La montagna segreta in cui le spie si nasconderanno quando Washington sarà distrutta

La montagna segreta in cui le spie si nasconderanno quando Washington sarà distrutta

William M. Arkin PhaseZero 02/05/2015
Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAuroraPreparathonDopo mezzanotte, da questa montagna si possono ancora vedere i resti radioattivi di ciò che era Washington DC, illuminanare l’orizzonte mentre decolla l’elicottero. Il bagliore nucleare è la prova decisiva che la comunità d’intelligence non è riuscita a impedire il peggio, ma almeno qualcuno è stato abbastanza intelligente da costruire un bunker nelle montagne della Virginia, per lui e i suoi compari spioni, per riorganizzarsi e sopravvivere. Aprendo la porta in acciaio rinforzato inizia la discesa. Non non è un paranoico racconto cospirazionista, ma lo scenario seguito questa settimana da America’s Preparathon, un evento nazionale tenuto dal Department of Homeland Security che ha attratto l’attenzione su questo bunker a nord di Charlottesville, Virginia. Lo scopo del bunker è segretissimo, anche se si può facilmente capire che è stato ampliato in questi anni, dall’11 settembre, al costo di decine di milioni di dollari. É la parabola di tutto ciò che va storto nel governo.
Preparathon è stato descritto dallo sponsor, la FEMA, come “campagna basata nell’azione”. La definizione di Washington di azione è sfilare marciare, salutare e seguire gli ordini. Ma c’è una definizione segreta, tra le righe della Costituzione e delle leggi: l’evacuazione del governo da una disordinata e disobbediente America prima che la cittadinanza arrivi e lo prenda. Innumerevoli miliardi sono stati spesi perciò negli anni, in un’orgia di segreti preparativi occulti, per garantirsi che Washington possa difendersi, prendersi cura di sé e sopravvivere comunque. È volta alla continuità del governo, perfezionatasi negli anni in previsione di invasioni straniere, guerre nucleari, catastrofi, disordini della cittadinanza, impulsi elettromagnetici sulla capitale, errori irreversibile nelle infrastrutture critiche, hackeraggi della rete elettrica, attacchi terroristici, uragani, terremoti, asteroidi dallo spazio. Dalla svolta dell’11 settembre si versano soldi delle tasse su questo mondo sotterraneo del ‘casomai per ogni evenienza’. Se la nostra onnipotente sicurezza nazionale fallisse… beh, Casa Bianca, generali e dipartimenti grandi e piccoli prevedono di lasciare il capitale e mettersi al riparo.

E riguardo le spie?
Come succede a Washington, gli egoistici orditori degli eventi mondiali hanno deciso che, dall’11 settembre, anche loro sono utili alla continuità del proprio governo. Proprio così: gli stessi che non prevederanno il Big One avranno bisogno di un posto dove andare e continuare a scrivere i loro rapporti. Il che ci porta alla Peters Mountain. Quest’anno, per la prima volta, l’ufficio del direttore della National Intelligence ha annunciato che avrebbe partecipato alla Preparathon con qualcosa chiamata National Intelligence Emergency Management Activity (NIEMA). Il DNI semplicemente la descrive come “quadro, piattaforme e sistemi per consentire al direttore della National Intelligence di guirdare la (comunità d’intelligence) integrata e resistente nel supportare il ‘ciclo dell’intelligence’ per ogni crisi e loro gestione, sia presso la nostra sede che presso le sedi operative alternative“. Ma descrizione di lavoro, contratti, decisioni interne e discussioni furtive con fonti di Washington rivelano come tale poco nota “attività” sia un buco nero da 100 milioni di dollari all’anno. Nel Response Operations Center (un luogo classificato) i funzionari della vigilanza lavorano continuamente per fornire ciò che viene indicata come “consapevolezza della situazione e sostegno nella crisi” ai capi della nazione; e se ciò fallisse, evacuare nell’impianto alternativo classificato che, secondo le fonti, si trova nell’Albemarle County nella Virginia centrale. Non c’è che un solo candidato, un centro misterioso in cima alla Peters Mountain, 16 miglia ad est di Charlottesville, riattivato per 61 milioni di dollari dal 2007. Per decenni s’è speculato sulla Peters Mountain, questo prodotto della Guerra Fredda alla periferia di Washington, parte di una serie di nodi di comunicazione “induriti” e costruiti per sopravvivere alla guerra nucleare negli anni ’50. E’ uno dei preferiti del cospirazionismo via internet, ma nessuno sembra sapere di cosa si tratti, a parte il fatto che il terreno è ufficialmente di proprietà dell’AT&T. E se ciò non è chiaro, c’è il logo dell’AT&T sulla cima della montagna, con un eliporto costruito in tale luogo anonimo nel vuoto delle mappe. “Ho sempre sentito storie secondo cui fosse una base per missili nucleari o un cruciale centro di comunicazione. Ma la più bella era la voce secondo cui il 12 settembre 2001, una batteria antiaerea sia salita sul monte senza scenderne. C’è la grande e larga strada asfaltata che sale in cima, la Turkey Sag Rd., e una strada sterrata su cui gli autoarticolati salgono di continuo su per la montagna con carichi coperti. C’è ogni segnaletica governativa su proprietà private e divieti di transito. Da Gordonsville di notte la cima della montagna viene illuminata come un albero di Natale con molte luci blu, cosa che mi sembra strana, e si vedono autoveicoli circolarvi“.

1233420766122812331Scesi nella tana del coniglio cercando conferme su questo bunker della comunità d’intelligence, spulciando i registri dell’Albemarle County e il catasto alla ricerca di progetti, edifici e dati fiscali della particella catastale descritta come appartenente alla AT&T, anche se è indicata come “terreno residenziale vacante” privo di valore.123342076617185732312334207662125600431233420766237430187_risultatoI permessi di costruzione presentati alla contea dal 2007 sono B200701545AC datato 03/07/07; B201302542ATWR datato 29/10/13; B201402314AC datato 12/11/14, per un ammontare di 61124583,00 dollari in modifiche interne ed esterne, tra cui la costruzione dell’eliporto, un nuovo ingresso del bunker, “alterazione di spazi interni” e installazione di due nuove antenne paraboliche. Quindi tale terreno residenziale vacante privo di valore, e che ha ricevuto decine di milioni di dollari in costruzioni, è ovviamente qualcosa di diverso dall’apparenza. La contea, nell’utile visura delle proprietà GIS, mostra che il terreno residenziale “vacante” ospita chiaramente diversi edifici. Google e Bing hanno immagini satellitari della cima della montagna, mostrando le stesse strutture e il progredire delle costruzioni dal 2007.
12334207662959435951233420766333705131Le due grandi strutture in cima alla montagna, alla sinistra dell’eliporto, si presume siano comignoli di ventilazione induriti e potenti antenne per telecomunicazioni. Le due antenne paraboliche aggiunte dopo l’11 settembre sono ormai evidenti, suggerendo comunicazioni autonome e continue.1233420766362070443Nulla nel bilancio federale o nei registri della contea suggerisce una qualsiasi presenza del governo, e nulla si riferisce alla NIEMA o comunità d’intelligence, come secondo fonti che hanno lavorato per il DNI e la sua attività di continuità, descrivendo il Warning, Alert and Mobilization System (WAMS) nazionale volto ad avvisare un gruppo scelto di dirigenti della comunità d’intelligence su quando raggiungere il bunker. L’allarme proverrebbe da “Il comunicatore”, un sistema di notifica automatica che assumerebbe due forme: avvisi per tutti e avvisi ai “prescelti”. Poiché Washington è nota per la congestione del traffico, i cosiddetti prescelti che dovrebbero allontanarsi da Washington pochi minuti dopo la notifica, si riunirebbero per esservi trasportati dagli elicotteri. Abbiamo inviato un avanguardia ad indagare sullaPeters Mountain Road questa mattina, per vedere se davvero ci fossero uomini armati del governo degli Stati Uniti e relative insegne d’avvertimento ai passanti di stare alla larga. La “strada chiusa” significa strada chiusa e perciò s’è rifiutato di proseguire. Le mappe della contea non mostrano la strada chiusa o limitata in alcun modo (sotto a sinistra, 36-11A SCC). Direi che sia prerogativa di coloro che vivono nell’ombra.

12334207664022278831233420766452159915Il bunker è stato costruito ed è regolarmente funzionante, pronto a collegare i bunker di Mount Weather, Raven Rock e Olney che costellano da ovest, nord ed est la capitale. Mentre il governo, e ora la comunità dell’intelligence, si agitano per proteggersi dal disastro, piloti di elicotteri, autisti, guardie e tutto il resto dei non prescelti (anche quelli che lavorano per le stesse organizzazioni) si suppone ne restino fuori, secondo uno scenario che trovo difficile da immaginare. Come funziona esattamente tale gloriosa evacuazione dei pochi eletti? “Tesoro vado in una montagna segreta per sopravvivere all’Armageddon, buona fortuna“. E i funzionari e la gente di Charlottesville, rannicchiati nel buio a fissare la montagna resa bluastra di notte dalla potenza dei generatori? Beh, dovranno semplicemente aspettare che il rapporto dica che sia tutto pronto o tutto finito, e in quel caso Peters Mountain sarà un’isola solitaria preparatasi al futuro nulla. C’è un anche un rapporto nel caso, che va presentato ogni 12 ore: si chiama IC Health and Status report, su condizione e stato della comunità d’intelligence.

600px-United_States_Intelligence_Community_Seal_2008Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Annunci

Informazioni su vaturu

I am a sardinian patriot
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...