UNA GUERRA TRA USA E CINA PUÒ INIZIARE NEL MAR CINESE MERIDIONALE

Nave militare cinese

Una guerra tra USA e Cina può iniziare nel Mar Cinese Meridionale

© Sputnik. Russian Defense Ministry press service

Due delle più grandi potenze economiche del mondo sono sull’orlo di un conflitto militare.

Washington pretende da Pechino lo stop alla costruzione di isole artificiali e sta inviando aerei spia nel Mar Cinese Meridionale. La Cina non vuole cedere alle pressioni e deve prepararsi ad un confronto, riporta il giornale “Global Times”, pubblicato dall’organo principale del Comitato centrale del Partito Comunista Cinese (PCC), il “Quotidiano del Popolo”.

“Se gli Stati Uniti insistono con convinzione affinchè la Cina cessi le sue attività, la guerra sino-americana nel Mar Cinese Meridionale è inevitabile. In termini di intensità il conflitto supererà quello che la gente di solito definisce come “tensioni”, prevede il giornale.

La portavoce del dicastero della diplomazia cinese Hua Chunying ha detto che Pechino si oppone alle “azioni provocatorie” degli Stati Uniti.

“La libertà di navigazione e di sorvolo in ogni caso non significano che le navi militari ed i velivoli di Paesi stranieri possano ignorare i diritti legittimi degli altri Paesi, così come la sicurezza della navigazione aerea e marittima”,

— ha sottolineato la Hua.

La Cina rivendica gran parte del Mar Cinese Meridionale, attraverso cui, secondo la Reuters, annualmente vengono trasportate merci per un valore di 5 trilioni di dollari. Alcune isole della regione sono allo stesso modo rivendicate da Filippine, Vietnam, Malesia, Taiwan e Brunei. Gli Stati Uniti invitano tutte le parti coinvolte nelle contese a smettere di costruire isole artificiali nell’arcipelago Spratly. Gli esperti di sicurezza negli USA e nei Paesi asiatici hanno espresso preoccupazione per il fatto che la Cina possa imporre restrizioni sulla navigazione marittima e sull’utilizzo dello spazio aereo quando avrà ultimato la creazione di 7 isole artificiali. Washington ha pubblicamente dichiarato che continuerà il pattugliamento navale ed aereo nella zona.

Un caccia statunitense
Un caccia statunitense

Il popolare giornale vietnamita “Thanh Nien” ha pubblicato l’articolo “Tre situazioni che potrebbero portare ad una guerra sino-americana nel Mar Cinese Meridionale”, citando l’opinione di Michael Auslin, analista dell’American Enterprise Institute per la politica asiatica e di sicurezza, pubblicata sul quotidiano britannico “Commentator”. Auslin elenca tre ragioni per questo conflitto. Una potrebbe essere un incidente aereo tra velivoli americani e cinesi. Dopo il completamento della costruzione delle piste e degli aeroporti nelle isole Spratly da parte della Cina, considerando la portaerei Liaoning, Pechino sarà in grado di controllare la maggior parte del Mar Cinese Meridionale e non permetterà ai velivoli americani di entrare in questo spazio aereo. Un conflitto armato tra la Cina e gli USA potrebbe essere infine causato da un conflitto tra Pechino ed uno dei Paesi del Sud-Est asiatico, che spingerebbe gli Stati Uniti ad intervenire a difesa del suo alleato, come le Filippine.

Il vice direttore dell’Istituto di Studi Orientali dell’Accademia Russa delle Scienze Dmitry Mosyakov ritiene più probabile il terzo scenario per il conflitto.

“Nella politica degli Stati Uniti sul Sud-Est asiatico, è prioritaria la libertà di navigazione per quanto riguarda gli interessi americani. Un quarto del trasporto delle merci che passanno attraverso lo Stretto di Malacca va verso i porti del Pacifico degli Stati Uniti. Nè la difesa degli interessi dei Paesi della regione, né l’opposizione ai tentativi della Cina di espellere gli Stati Uniti dal Sud-Est asiatico sono così importanti quanto garantire il libero passaggio delle navi, compresi quelle militari. Potenziando le sue forze, la Cina renderà attuali le rivendicazioni sulle isole della maggior parte del Mar Cinese Meridionale, che in precedenza erano solo formali. Il periodo in cui la Cina rivendicava solo a parole i territori, affermando solo di non controllarli, giunge ormai al termine con l’aumento del numero di navi e aerei di pattugliamento e con la costruzione delle basi. Quando il divieto di transito alle navi e agli aerei stranieri sarà reale, ad ogni movimento e attività illegale, secondo il punto di vista della Cina, seguiranno o lanci di missili o il decollo di aerei. Sorgerà una situazione critica nella prospettiva dei prossimi anni,”

— ritiene Dmitry Mosyakov.

Leggi tutto: http://it.sputniknews.com/politica/20150526/443761.html#ixzz3bd8oBiQo

Annunci

Informazioni su vaturu

I am a sardinian patriot
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...