La solitudine

 La solitudine
Luogo Comune

E’ stato molto doloroso ascoltare la trasmissione “La zanzara” a cui ha partecipato ieri Giulietto Chiesa. Doloroso perché, nei pochi minuti in cui è durato il dibattito, si è potuta apprezzare in pieno la tremenda solitudine nella quale è costretto a vivere, oggi, un personaggio pubblico che abbia la forza di ragionare con il proprio cervello, e di dire apertamente ciò che pensa.

Come scrive Jung, “La solitudine non deriva dal fatto di non avere nessuno intorno, ma dalla incapacità di comunicare le cose che ci sembrano importanti, o dal dare valore a certi pensieri che gli altri giudicano inammissibili.”

E’ sintomatico, infatti, che un fenomeno del genere si sia verificato non nell’ambito di un salotto privato, fra quattro amici un po’ alticci, ma all’interno di una trasmissione radiofonica che raggiunge centinaia di migliaia di ascoltatori.

Ma è proprio questo il cuore del problema: fra un personaggio come Giulietto Chiesa e le migliaia di ascoltatori ci sono di mezzo i cosiddetti “conduttori” della trasmissione: …

… due personaggi che fingono di interessarsi a quello che ha da dire Chiesa, mentre perseguono chiaramente lo scopo di neutralizzare il potenziale devastante che hanno le sue parole. E lo fanno in modo assolutamente perfido, in totale malafede, mettendo in atto il classico gioco del “poliziotto buono, poliziotto cattivo”. Uno fa finta di dare credibilità a quello che dice l’ospite, mentre l’altro affonda il coltello sistematicamente, cercando di far passare per “idiozie” le sue parole.

Fortunatamente Chiesa è stato molto bravo nell’aggirare, più di una volta, questo meccanismo, rivolgendosi direttamente agli ascoltatori con frasi del tipo “il pubblico ha capito benissimo che cosa voglio dire”.

Ma il problema rimane: chi è portatore di un messaggio che sia in qualunque misura pericoloso per lo status quo è destinato immancabilmente a venire isolato, tramite il filtro dei media, dal resto della popolazione.

È una solitudine molto dura da sopportare, e per questo non possiamo che fare i complimenti a Giulietto Chiesa e a tutti coloro che combattono battaglie come la sua.

Perché se è vero quello che ha scritto Jung, è altrettanto vero quello che ha detto Shiller: “Nessuno è più forte di colui che è solo”.

Forza Giulietto, siamo tutti con te.

Massimo Mazzucco

(Mi permetto di firmare anche a nome di moltissimi lettori di luogocomune e di sa defenza).

Informazioni su vaturu

I am a sardinian patriot
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...