Quelli che “è tutto falso”

Massimo Mazzucco

Hanno iniziato con l’11 settembre. Dicevano che non era vero niente, che tutto quello che abbiamo visto in televisione era falso, che non c’era nessun aereo che ha colpito le Torri Gemelle, che era tutta una messinscena creata a tavolino con le tecnologie digitali.

Lo si capiva – dicevano – perché il “naso” dell’aereo spuntava da una delle due torri, oppure perché in certi fotogrammi televisivi l’ala dell’aereo sembrava momentaneamente scomparire.

Poi c’è stata Sandy Hook. Anche questa era tutta una messinscena governativa: i ragazzini morti non erano morti davvero, e i genitori che li piangevano erano soltanto degli attori professionisti, pagati per fingere. Lo si capiva dal fatto – dicevano – che uno di loro addirittura rideva, mentre raccontava della strage, e lo si capiva dal fatto – dicevano – che le ombre sul terreno non coincidevano con l’orario in cui sarebbe avvenuta la sparatoria.

Poi c’è stata la maratona di Boston. Anche quella tutta una messinscena, con morti e feriti che non erano altro che manichini o attori professionisti. Poco importava se addirittura si fosse vista l’esplosione della bomba in diretta TV. Era chiaramente – dicevano – una finta bomba.

Poi c’è stato l’assassinio in diretta tv della giornalista americana. Anche quello era tutto un falso, secondo queste persone, girato in studio davanti ad un greenscreen. Lo si capiva dal fatto – dicevano – che le assi del pavimento visto dall’alto non combaciavano con quelle viste dalla prospettiva del telecronista.

Poi c’è stato Charlie Hebdo. Tutto falso anche quello. Lo si capiva dal fatto – dicevano – che il poliziotto colpito a terra non perdeva nemmeno una goccia di sangue, mentre gli sparavano in testa.

Poi c’è stato il Bataclàn. Anche quello, secondo loro, era tutta una messa in scena. Non si spiegavano altrimenti – dicevano – le scarsissime foto dell’eccidio all’interno del locale parigino.

E poi c’è stato Bruxelles, l’altro giorno. Anche quello, tutto falso. Tutto una grandiosa messa in scena. Lo si capiva dal fatto – dicevano – che c’erano in giro pochissime foto dei morti e dei feriti all’aeroporto, e che il colore della parete del metrò di Bruxelles era diverso da quello delle fotografie.

Le argomentazioni, in ciascuno dei casi, sono molto varie e molto articolate. Ma qui non si tratta di metterle in discussione una per una (l’abbiamo già fatto in abbondanza, caso per caso), quanto piuttosto di comprendere il meccanismo stesso che porta certe persone ad immaginare queste complicatissime messinscena, rifiutandosi poi di riconoscere la loro intrinseca assurdità.

La prima domanda che bisognerebbe porsi, infatti, di fronte a questo genere di ipotesi, è  un semplicissimo “perché”? Perché mai andare a complicarsi la vita con una manipolazione digitale, in un centinaio almeno di video diversi, creando addirittura dei falsi fori di entrata degli aerei (con esplosivi, si presume), quando in realtà sarebbe stato 1000 volte più semplice prendere due aerei e schiantarli veramente contro le torri gemelle?

Dove sarebbe la logica, in una scelta del genere?

Perché mai andare ad inventarsi un massacro nella scuola di Sandy Hook, che t’impone poi di far scomparire letteralmente dalla circolazione tutti coloro che hai elencato come vittime, quando in realtà è molto più semplice mettere una bomba e farla esplodere davvero?

Perché mai raccontare che 130 persone sono morte massacrate, disseminando il pavimento di manichini, di sangue cinematografico e di falsi cadaveri, quando in realtà era molto più semplice ammazzare veramente 130 poveri sventurati?

Perché dover ricorrere a degli attori – e stiamo parlando di centinaia di attori, nel caso di Bruxelles – per mettere in scena tutte quelle persone che fuggono sul piazzale dell’aeroporto, oppure che si riversano sui marciapiedi fuori dalla fermata del metrò, quando bastano due semplici bombe, piazzate negli stessi luoghi, per ottenere lo stesso risultato?

Si potrebbe andare avanti all’infinito, ad elencare le complicazioni e le difficoltà – e quindi le scarsissime probabilità di riuscita – che incontrerebbe chiunque volesse mettere in piedi una messinscena così complicata, ma forse a questo punto conviene fare un’altra considerazione, e domandarsi perché si arrivi anche solo ad immaginare una tale mancanza di senso pratico, da parte di chi organizza gli attentati.

Io ritengo che dopo l’11 settembre (quello vero, perpetrato con veri aerei scagliati contro le Torri Gemelle) in molti di noi sia completamente crollato il muro delle certezze, al punto di non fidarsi più di nulla e di nessuno. Ci siamo sentiti abbandonati, soli, in balìa del nostro destino. In altre parole, con l’11 settembre i media ci hanno così profondamente tradito, rispetto alla fiducia che riponevamo il loro, che da quel giorno non crediamo più assolutamente a nulla di quello che i media ci raccontano.

Nemmeno al fatto che è esplosa una semplice bomba nella metropolitana di Bruxelles.

 

Annunci

Informazioni su vaturu

I am a sardinian patriot
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...