Il disastro (annunciato) arcobaleno

Nessie  Saura Plesio

 

 

C’era da aspettarselo e personalmente non mi sono mai fatta delle illusioni. Con un atto autoritario Maria Etruria Boschi ha posto la fiducia al ddlCirinnà, sulle unioni dette “civili” impedendo di fatto emendamenti e modifiche. Soprattutto “perdite di tempo”, perché secondo l’aretina “siamo già in ritardo rispetto ad altre nazioni”. Una volta tanto è vero: ma questo è un segno di civiltà italica rispetto ad altri paesi, prontamente conculcato dalla falsa Madonnina infilzata.  Hanno aspettato qualche mesetto per confezionare il pacco (da febbraio al Senato,  alla Camera a  maggio), ma state certi: questa è gentaglia che studia attentamente la tempistica. A differenza di quei cialtroni dell’opposizione che non parano mai un solo colpo, un po’ come fanno quei portieri sgangherati delle squadrette di periferia. Meriterebbero di venir legnati solo per questo.
Alla Camera detta legge divisiva e autoritaria è passata con 369 SI, 193 No e 2 astenuti. 
Balli, canti, vessilli sventolati,  lacrime di commozione di qualche gaio parlamentare dai nervi troppo scossi, nastrini e coccarde arcobaleno distribuiti a piene mani a cani e porci, e ovviamente il grande happening davanti alla Fontana di Trevi dai giochi di luce iridati,  con Maria Etruria che ci mancava poco si mettesse a fare pure Anita Ekberg  tra gli zampilli  del  famoso fontanile berninano: “Marcello, Marcello… come here…come here!”, magari col gatto in testa procuratole dalla gattara Cirinnà. 
Ma  a quante tragiche farse deve ancora assistere  questo disgraziato paese?  Maria Etruria sorrideva col nastrino arcobaleno sulla giacca, mentre il suo Putto Mentore  da Facebook dedicava la vittoria ad una cara amica lesbica a nome Alessia Ballini.  Vince l’Ammore e  siamo alle glicemie.
Vabbé, c’è la consolazione di una raccolta di firme per referendum abrogativo, che forse non raggiungerà mai il quorum, che forse non vincerà perché i media li detengono e li  manipolano pur sempre  loro. Eppoi volete mica dubitare? La madre di tutte le priorità storiche e sociali  è il matrimonio gay, l’adozione dei figli del partener omo, la reversibilità che si vuole togliere alle vedove per dare agli omosessuali (vero Tito Boeri dell’INPS?).  E se proprio  di soldi non ce n’è, allora meglio che il carrozzone INPS vada a ramengo per tutti, specie se etero, che poi sono la maggioranza.
Insomma da oggi la Grecia e la Spagna sono più vicine: pezze al culo alla totalità dei  cittadini, ma coccarde e nastri rainbow per tutti quanti, tutti buoni come te (good as you). GAY, embrassons-nous! GAY, engagez-vous!
L’omosessualizzazione globale segna la sua vittoria annunciata e Ivan Scalfarotto tra un pianto di commozione e l’altro, preannuncia già l’estensione della Legge Mancino per chi osa, fiatare,  ribellarsi e criticare. Tempi duri per la maggioranza, quella vera, quella etero. 
Advertisements

Informazioni su vaturu

I am a sardinian patriot
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...