Zen Gardner: Cosa è la Sovranità

Written by Cristina Bassi

sovranità

 La Matrix, crollerà. Chi è preda di questa farsa, la sostiene. Occorre vedere quanto vasta è la menzogna e quindi scoprire il proprio potere e sovranità spirituale.

by Zen Gardner
traduzione e adattamento. Cristina Bassi

Questo argomento è un tema caldo nella comunità alternativa. Ho partecipato di recente alla conferenza “Anarchapulco” , che ha toccato un’ampia gamma di aspetti relativamente a questo importante tema, che riguarda il nostro risveglio personale e il fatto di far crescere una indipendenza finanziaria, spirituale e legale, così come un rafforzamento del potere personale.

Si è parlato di criptovalute unitamente alla nostra attuale situazione geopolitica e alle scelte vita alternative; Larken Rose ed altri relatori, hanno messo in luce ampiamente la natura futile e anacronistica dello statalismo. Fondamentale ed essenziale per ogni cercatore di verità, è comprendere ciò che siamo stati programmati ad accettare e imparare a mettere in discussione ogni aspetto dell’ indottrinamento della ingegneria sociale.

Quando ho affrontato questi temi [Zen Gardner era un relatore nella conferenza, ndt] toccando la “sovranità”, sia essa libertà dal sistema legale basato sul vincolo della legge marittima, o il mettere in discussione tutte le forme del paradigma del controllo gerarchico, l’ho fatto da una prospettiva spirituale.

Cosa è sostanzialmente la libertà? Come manifestiamo più ampiamente la nostra vera natura e quindi naturalmente rompiamo le catene che ci legano in ogni dove? Dipende tutto dalla domanda iniziale. E dalla nostra prospettiva

Una conscia consapevolezza, può sembrare che sia qualcosa di vago e di illusorio, ma non lo è. È qualcosa di estremamente pratico. Il passo fondamentale che occorre fare è trovare il benefico punto di vista del nostro Sè superiore. Che cosa sta osservando te stesso, che ti parla e persino di correggere i pensieri e il comportamento? Cos’è questa voce interiore? Cos’è questa consapevolezza che osserva l’esperienza che siamo noi? Come sviluppiamo e utilizziamo quella prospettiva e quali le implicazioni di questo rendercene conto,  fatto di cui i saggi di tutti tempi ci hanno parlato e che accompagna le nostre vite?

Questo È per me il mondo profondo e meraviglioso che deve essere estrapolato e che nella sua apparente natura esoterica, ha tutte le cosiddette risposte della vita che stiamo cercando. Questa consapevolezza, allo stesso tempo ha bisogno di mescolarsi e unirsi alla nostra consapevolezza mentale e del cuore, perché questa esperienza che chiamiamo “vita”, possa avere un senso.

Tutto ciò è pratico tanto quanto il decidere se mangiare o non mangiare. Se agire per impulso e cedere semplicemente al nostro ambiente circostante e alle abitudini accumulate, oppure imparare a prendere decisioni più coscienti sia per le nostre azioni che per i nostri pensieri: ecco questo profondo ragionamento implora uno stile di vita completamente nuovo.

Se solo lo permettessimo. E se agissimo sulla base di ciò che apprendiamo e sentiamo da questa fonte di informazione molto più pura e dalla consapevolezza. E’ questo cio’ che ha bisogno di essere sviluppato ed è la grande sfida di questa scuola di apprendimento superiore in cui ci troviamo.

sovereignty main

ATTENZIONE AL PARADIGMA PSICOPATICO

Osservate semplicemente il mondo oggi. Sfortunatamente notiamo personaggi non empatici e folli tra chi governa il mondo, tra i politici, i banchieri, i mostri delle multinazionali, i media orwelliani.  Le persone continuano a credere alle loro parole sperando contro ogni speranza che le loro vuote promesse si avverino. Cos’è tutto questo? Letargia, apatia, negazione psicotica, controllo mentale, o che altro? È molto probabile che si tratti di una convergenza tra tutte queste condizioni; certo è che questa forma di sindrome di Stoccolma che colpisce la massa, è assolutamente patetica

La sindrome di Stoccolma: ovvero il legame con i propri aguzzini, è un fenomeno psicologico descritto nel 1973, in cui gli ostaggi esprimono empatia e simpatia ed hanno sentimenti positivi verso il loro carcerieri, a volte al punto di difendere ed identificarsi con loro. Questi sentimenti sono generalmente considerati irrazionali alla luce del pericolo e del rischio a cui le vittime sono sottoposte, vittime che sostanzialmente scambiano la mancanza di abuso da parte dei loro aguzzini, come un atto di gentilezza (fonte)

Tutto questo suona familiare? Si tratta di tutta la società. Il ciclo vittima/carnefice è più che maturo nella società ed è previsto che così sia. Dopotutto, questi cosiddetti governatori sono stati a loro volta abusati dai loro ammaestratori, fisicamente e/o in modo interdimensionale e questo è il paradigma che continuano a passare.

purpur-Blume-des-Lebens.jpg
PIastra di Tesla Originale con il Fiore della Vita

Da qui la propagazione enorme della paura, come ultimo segnale di controllo. E’ la mentalità parassitica impiantata e socialmente ingeneralizzata, la spiegazione di questo vampirismo energetico, sia che lo si chiami arcontico o lo si definisca in un altro modo transdimensionale. C’è una dinamica qui, programmata per togliere potere e controllo attraverso l’intimidazione, la paura e l’ignoranza della verità

Di che cosa hanno paura in fondo? Cosa stanno cercando di sopprimere? Perché evidenziare questo, è dare potere al fatto che possiamo rompere questo ciclo in ogni momento; è identificare in primo luogo cosa sta accadendo e poi fare i necessari cambiamenti nel nostro pensiero, comportamento e attitudini e nel mentre continuare a crescere manifestando quella espressione divina e infinita, che è dentro ognuno di noi.

Qualsiasi cosa facciate, non date la vostra partecipazione a tutto questo che vi circonda. Le elezioni sono un esempio perfetto. Sono manipolate e sono una totale distrazione. Osservate il conflitto che generano: dividono la popolazione in un altro modo ancora, sempre nel loro tentativo di dividere e conquistare. È tempo che le persone si sveglino completamente a ciò che realmente sta accadendo e a come la loro energia viene sottratta.

Essere attratti da una gerarchia che in primo luogo non dovrebbe esistere, rinforza semplicemente la sua presa ed è una forma di volontaria auto- sottomissione. Tutto questo è vecchio di Eoni ed è evidenziato non solo nella politica, anche nella religione nelle istituzioni scolastiche, nella scienza, nella medicina in tutto il modello statale monetario e dei grandi colossi aziendali.

È tempo di diventare coscienti e di sganciarsi del tutto. La loro struttura completamente artificiale, che alcuni chiamano Matrix, crollerà. Sono le persone che cadono preda di questa farsa, che la sostengono. Ma prima di tutto le persone devono vedere quanto vasta è la menzogna ed anche scoprire il proprio potere e sovranità spirituale.

PRENDERE POSIZIONE

Ciò che inevitabilmente accade ad un cercatore sincero della verità, è che  cambia stile di vita. Accade di solito a piccole dosi. E’ ovvio che serve avere il meno possibile di complicazioni con uno qualsiasi dei mondi del sistema. Infatti questi sono sostanzialmente tossici e tristemente avvolgenti ed impediscono alla nostra essenza di essere veramente libera in molti aspetti.

Può significare cambiare lavoro oppure tipo di cosiddetta carriera. Può significare, e di solito è così, trovare uno sbocco creativo dove questa consapevolezza conscia possa manifestarsi attraverso la nostra immaginazione. Significa anche tirarsi fuori da tutti i compromessi possibili, siano essi la schiavitù della carta di credito o del sistema bancario, una carente alimentazione e carenti costumi di vita.  È quindi necessario scegliere le giuste persone con cui coinvolgersi lasciando indietro gli altri e le relazioni sterili.

Il tutto ha una certa profondità, ma possiamo decidere quanto profondamente vogliamo andare. Mentre questi cambiamenti si attuano, molti altri diventano ovvi. Non sei il tuo nome, quindi tutti gli agganci legali alla tua carta d’identità sono essenzialmente fraudolenti o sono delle trappole. È imbarazzante vedere quindi come tutto il sistema politico e legale si riveli stupido e come diventi ovvio che è costruito per scopi di controllo.

Ecco perché senti forte il desiderio di essere libero. Ma non nel loro modo, ovvero combattendo proprio quella cosa che cerca di affermarsi
grazie alla nostra risposta inconscia, ma scansando tutta la Matrix. Se pensiamo che  il mondo che essi hanno costruito su bassa vibrazione, possa essere da noi disperso rispondendo al loro stesso livello, allora abbiamo già perso e potremo che ricreare un altro sistema che avrà in qualche modo lo stesso costrutto di bassa vibrazione.

Questo modo semplicemente non funziona.

SII PRATICO, MA RESTA SPIRITUALE

Sono d’accordo con l’attivismo, ma bisogna individuare gli obiettivi con saggezza. Quando l’attivismo crea una comunità e consapevolezza, allora va bene, qualsiasi cosa esso sia.

C’è sicuramente una guerra contro l’umanità: questa è una delle cose principali che diventa evidente a colui che cerca. Non possiamo giacere supini e accettare il tutto: accetteresti che lo Stato arrivi in casa tua e ti porti via i tuoi figli?

L’effetto più potente ed efficace che ognuno di noi può avere , è quello di essere semplicemente se stesso. La sfida che tutti abbiamo davanti, è fino a che punto vogliamo manifestare cio’ che veramente siamo, inclusi gli aspetti pratici sul come lo facciamo. Ma un passo per volta, nel mentre  alziamo continuamente i nostri livelli di consapevolezza

L’essenzialità non è per niente complicata. Essere onesti, amorevoli ma diretti e sovrani, è qualcosa che all’anima viene naturale. E’ il resto del nostro se’ contorto, condizionato e riflesso, che ha bisogno di scrollarsi dall’ipnosi  e darsi una mossa.

Cambiare il nostro ambiente personale, è un grande inizio. Taglia gli ostacoli che impediscono di manifestare il tuo sè  autentico, onesto ed integrale. Allontana dalla tua vita i vampiri energetici e quelli che ti affossano. Non li aiuti continuando ad essere come uno dei tanti gnomi compromessi che evitano e placano il confronto.

Questa è la matrix che lavora attraverso la nostra orrenda programmazione psico-sociale, per trattenerci ad un livello di frequenza il più basso possibile evitandoci di andare verso la nostra completa libertà e anzi farci stare fermamente sotto il giogo della loro morsa parassitica. C’è moltissima motivazione per tutti per fare tutto cio’, anche per quelli mezzi svegli. Il mondo esteriore, quello del sistema sta crollando ad un passo frenetico ed è in gioco  la tua vita, la mia, quella delle persone che amiamo, quella di moltissime persone meravigliose nel mondo, così come la vita del nostro stesso pianeta.

Tutto cio’ potrebbe voler dire fare di più per rivelare cosa è l’establishment e ciò che vi è dietro e farlo in un modo significativo, ovvero che generi consapevolezza e costruisca una comunità. Ma una volta che ci siamo svegliati, qualsiasi cosa facciamo o ci asteniamo dal fare, non ci permetterà di fare gli affari nostri come al solito, questo è certo. Qualsiasi sia il percorso che intraprendi quindi, fai che sia cosciente, che sia fatto con saggezza e circospezione.

Ci sono  tanti fattori ed ognuno di noi  è un’unica espressione dell’universo e dobbiamo onorare questo fatto.Tuttavia dobbiamo rispondere alla chiamata della coscienza.Non è una roba campata per aria, non è un ritiro religioso, non è uno stato in cui ignorare beatamente le nostre circostanze. E’ essere pienamente vivi nell’eterno presente, nel qui ed ora. Stiamo comunicando in corpi umani, con restrizioni e limitazioni molto vere e con bisogni e desideri. Ma nello stesso tempo siamo prima di tutto e soprattutto esseri spirituali che abitano queste bío-macchine incredibili.

Potrà sembrare un paradosso, ma non lo è. È ciò che è, e dobbiamo fare pienamente questa verifica della realtà ed assumerci le nostre responsabilità con coraggio e determinazione. Dobbiamo farlo non con il giudizio di ciò che sta succedendo intorno a noi e sulle azioni degli altri o su qualsiasi norma di tipo sociale o persino alternativo. Madobbiamo esprimere la nostra unicità, come esempi viventi di libertà e autenticità in ogni cosa che facciamo. Siamo sovrani, proprio nell’essenza della parola. Ora dobbiamo agire da questo sapere che pervade ogni cosa. Tutto il resto si chiarirà.

“L’unico modo di gestire un mondo non libero, è diventare così assolutamente liberi, che la nostra esistenza stessa sia un atto di ribellione” Albert Camus

Much love, Zen

fonte:http://www.zengardner.com/63779-2/

traduzione sintesi e adattamento Cristina Bassi per http://www.thelivingspirits.net

Informazioni su vaturu

I am a sardinian patriot
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...