IRLANDA: E’ NATO IL GRUPPO ”IRELAND EXIT” E IN POCHI GIORNI IL CONSENSO PER IL REFERENDUM D’USCITA DALLA UE SALE AL 27%

GIUSEPPE DE SANTIS

www.ilnord.it

ar_image_4946_l.jpg

 

LONDRA – Il numero di paesi che vuole un referendum sulla permanenza nella Ue aumenta sempre di piu’ e dopo Francia. Olanda, Austria, Repubblica Ceca e Lettonia anche in Irlanda c’e’ chi vuole che i cittadini vadano alle urne per decidere se rimanere o meno nella Ue.

E difatti pochi giorni fa e’ nato il gruppo Ireland Exit che si ispira ai gruppi euroscettici britannici il cui scopo e’ promuovere un referendum sulla permanenza dell’Irlanda nella UE e ha come motto “e’ ora di riprenderci il controllo del nostro paese”.

I sostenitori di questo movimento puntano sul fatto che dal 2014 l’Irlanda e’ un contribuente netto della UE (cioe’ versa piu’ di quanto incassa) e tale contributo e’ di circa 136 milioni di euro, una somma di tutto rispetto per un Paese che e’ stato costretto a imporre misure lacrime e sangue per poter ricevere aiuti dalla troika per far fronte alla severa crisi finanziaria che ha colpito l’Irlanda per colpa del tracollo finanziario delle banche Usa nel 2008.

Chiaramente i sostenitori del referendum vogliono convincere gli irlandesi che questi 136 milioni di euro potrebbero essere usati per aiutare i cittadini poveri irlandesi, un argomento che sicuramente tocchera’ un nervo scoperto tra tutti coloro che sono stati colpiti dalla crisi, e si tratta di più del 50% della popolazione irlandese. Basti pensare che dal 2009 al 2015 hanno lasciato l’Irlanda in cerca di lavoro – soprattutto in Gran Bretagna – quasi 100.000 persone.

Ma questa non e’ la sola ragione per cui i promotori vogliono uscire dalla UE.

Infatti, la cosiddetta “armonizzazione fiscale” voluta dai parassiti di Bruxelles minaccia il regime fiscale irlandese che si caratterizza per la bassa tassazione delle imprese, uno dei fattori del miracolo irlandese che rischia di svanire.

L’europarlamentare Brian Hayes ha dichiarato pubblicamente che se l’Unione Europea andra’ avanti col suo programma di “armonizzazione fiscale” l’Irlanda non avra’ altra scelta che uscire dall’Unione europea, una posizione che verra’ sicuramente condivisa anche da altri politici di rilievo.

Secondo gli ultimi sondaggi già il 27% vuole un referendum stile Brexit già subito, e anche se per ora non e’ chiaro quanti irlandesi voterebbero per uscire dalla UE, resta il fatto che la storia recente insegna come tali percentuali possono cambiare rapidamente.

Dopotutto, sei mesi fa nessuno avrebbe scommesso sul fatto che i cittadini britannici avrebbero votato a favore del Brexit facendolo vincere. Eppure, quello che sembrava improbabile per gli istituti di sondaggi, alla fine e’ successo.

Questa notizia e’ stata riportata dal quotidiano euroscettico Daily Express, ma completamente censurata in Italia perche’ chiaramente darebbe fastidio al governo Renzi.

Noi ovviamente non ci stiamo e per tale motivo abbiamo riportato questa storia in esclusiva.

– Londra

Annunci

Informazioni su vaturu

I am a sardinian patriot
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...