Le nanoparticelle cariche di veleno d’api uccidono l’HIV

fattoreumano

Le nanoparticelle (viola) che trasportano melittin fusibile (verde) con l'HIV (piccoli cerchi con anello esterno a spillo), distruggendo involucro protettivo del virus. paraurti molecolari (piccoli ovali rossi) impediscono le nanoparticelle da danneggiare le cellule normali del corpo, che sono molto più grandi dimensioni.Le nanoparticelle trasportano una tossina trovata nel veleno d’api possono distruggere il virus dell’immunodeficienza umana (HIV), lasciando illeso cellule circostanti, i ricercatori della Washington University School of Medicine di St. Louis hanno dimostrato. La scoperta è un passo importante verso lo sviluppo di un gel vaginale che può prevenire la diffusione del virus HIV, il virus che causa l’AIDS.

Le nanoparticelle (viola) che trasportano melittin fusibile (verde) con l’HIV (piccoli cerchi con anello esterno a spillo), distruggendo involucro protettivo del virus. paraurti molecolari (piccoli ovali rossi) impediscono le nanoparticelle da danneggiare le cellule normali del corpo, che sono molto più grandi dimensioni.(Immagine: Joshua L. Hood, MD, PhD)

“La nostra speranza è che nei luoghi in cui l’HIV è in esecuzione dilagante, la gente potrebbe usare questo gel come misura preventiva per fermare l’infezione iniziale”, dice Joshua L. Hood, MD, PhD, un istruttore di ricerca in medicina.

Lo studio appare, in questo numero della terapia antivirale.

Veleno d’api contiene una potente tossina chiamata melittin che possono colpire i fori nella busta protettiva che circonda l’HIV, e altri virus. Grandi quantità di melittin libero può causare un sacco di danni. Infatti, in aggiunta alla terapia anti-virale, autore della carta di alto livello, Samuel A. Wickline, MD, il J. Russell Hornsby Professore di Scienze Biomediche, ha dimostrato nanoparticelle melittin-caricato per essere efficace nell’uccidere le cellule tumorali.

Il nuovo studio mostra che melittin caricati su queste nanoparticelle non danneggia le cellule normali.Questo perché Hood aggiunto paraurti di protezione alla superficie delle nanoparticelle. Quando le nanoparticelle entrano in contatto con le cellule normali, che sono molto più grandi dimensioni, le particelle semplicemente rimbalzare. HIV, d’altra parte, è ancora più piccola della nanoparticella, così HIV si inserisce tra i paraurti ed entra in contatto con la superficie della nanoparticella, in cui la tossina ape attende.

“Melittin sulle nanoparticelle si fonde con la busta virale,” dice Hoods. “Il melittin forma piccoli complessi di attacco poro-like e rompe la busta, spogliandola il virus.”

Secondo Hood, un vantaggio di questo approccio è che le nanoparticelle attacca una parte essenziale della ‘struttura del virus. In contrasto, la maggior parte dei farmaci anti-HIV inibiscono la capacità del virus di replicarsi. Ma questa strategia anti-replica non fa nulla per fermare l’infezione iniziale, e alcuni ceppi del virus hanno trovato modi per aggirare questi farmaci e riprodursi in ogni caso.

“Stiamo attaccando una proprietà fisica intrinseca del virus HIV”, dice Hoods. “In teoria, non c’è alcun modo per il virus di adattarsi a questo. Il virus deve avere un rivestimento protettivo, una membrana a doppio strato che ricopre il virus. “

Oltre prevenzione sotto forma di un gel vaginale, Hood vede anche possibilità di utilizzare nanoparticelle con melittin come terapia per le infezioni da HIV esistenti, specialmente quelli che sono resistenti ai farmaci. Le nanoparticelle possono essere iniettati per via endovenosa e, in teoria, sarebbe in grado di cancellare HIV dal flusso sanguigno.

“La particella di base che stiamo usando in questi esperimenti è stato sviluppato molti anni fa come un prodotto di sangue artificiale” dice Hoods. “Non ha funzionato molto bene per la consegna di ossigeno, ma circola in modo sicuro nel corpo e ci dà una bella piattaforma che siamo in grado di adattarsi a combattere diversi tipi di infezioni.”

Dal momento che gli attacchi melittin membrane a doppio strato indiscriminatamente, questo concetto non si limita all’HIV. Molti virus, tra cui l’epatite B e C, si basano sullo stesso tipo di involucro protettivo e sarebbe vulnerabile alle nanoparticelle melittin-caricato.

Anche se questo particolare carta non affronta la contraccezione, Hood dice il gel facilmente potrebbe essere adattato a bersaglio spermatozoi così come l’HIV. Ma in alcuni casi le persone potrebbero voler solo la protezione da HIV.

“Abbiamo anche di fronte a questo per le coppie in cui solo uno dei partner ha l’HIV, e vogliono avere un bambino” dice Hoods. “Queste particelle per sé sono in realtà molto sicuro per gli spermatozoi, per la stessa ragione sono sicuri per le cellule vaginali.”

Anche se questo lavoro è stato fatto nelle cellule in un ambiente di laboratorio, Hood ei suoi colleghi dicono che le nanoparticelle sono facili da produrre in grandi quantità sufficiente per fornire loro per futuri studi clinici.


Cappuccio JL, Jallouck AP, Campbell N, L Ratner, Wickline SA. Nanoparticelle citolitica attenuano HIV-1 infettività. Terapia antivirale. Vol. 19: 95 – 103. 2013
Questo lavoro è stato sostenuto dalla Fondazione Bill & Melinda Gates Foundation Grand Challenges Explorations concedere numero OPP1024642 ‘nanoparticelle fusogeniche per combinato anti-HIV / contraccezione.’
Washington University School of Medicine ‘s 2.100 impiegati e docenti medici volontari sono anche il personale medico del Barnes-Jewish e St Louis Children di ospedali. La Facoltà di Medicina è uno dei principali istituti di ricerca medica, l’insegnamento e la cura dei pazienti e la nazione, attualmente al sesto posto nella nazione da US News & World Report. Attraverso le sue affiliazioni con gli ospedali St Louis Children del Barnes-Jewish e, la Scuola di Medicina è legata a BJC HealthCare .

Fonte: Washington University School of Medicine in St. Louis-Usa

Informazioni su vaturu

I am a sardinian patriot
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...