PROJECT-SYNDICATE: IL FALLIMENTO DELLA LIBERA CIRCOLAZIONE DELLE PERSONE

Il prof. Skidelsky su Project-Syndicate affronta uno dei miti più ostinati dell’ideologia neoliberale: quello della libera circolazione delle persone; ironicamente, questo mito sta crollando proprio ora che la “sinistra” lo aveva reso un proprio caposaldo. Se i flussi migratori non vengono gestiti politicamente da una parte, e se non si assicura una maggiore sicurezza economica ai lavoratori dei paesi che dovrebbero ricevere questi flussi dall’altra, l’esito sarà in misura sempre maggiore la violenza.

di Robert Skidelsky, 

L’orrendo attacco perpetrato da un uomo franco-tunisino contro la folla a Nizza, durante i festeggiamenti del giorno della presa della Bastiglia, attacco che ha causato 84 morti e ferito altre centinaia di persone, darà un’enorme spinta a Marine Le Pen, leader del Front National, nelle elezioni presidenziali della prossima primavera. Non importa se l’assassino, Mohamed Lahouaiej Bouhlel, abbia effettivamente un legame con l’estremismo islamico. In tutto il mondo occidentale c’è una pericolosa miscela di insicurezza fisica, economica e culturale che ha portato a un sentimento e una politica anti-immigrazione proprio nel momento in cui la disintegrazione degli stati post-coloniali nell’area islamica sta generando un problema di afflusso di profughi che non si vedeva dalla Seconda Guerra Mondiale.

All’incirca negli ultimi 30 anni un fattore fondamentale delle società liberal-democratiche era stato l’apertura verso gli immigrati. Solo i bigotti non vedevano quanto l’immigrazione beneficiasse sia gli immigrati stessi sia chi li ospitava. Pertanto l’obiettivo delle élite politiche era quello di mantenere viva questa visione positiva dell’immigrazione e di facilitare al contempo l’integrazione dei nuovi arrivati. Purtroppo le élite occidentali non sono riuscite a realizzare le condizioni per il successo.

Sebbene lo spostamento delle persone sia stato una costante nel corso della Storia umana, esso si è reso relativamente pacifico solo quando avveniva nella direzione di territori poco popolati o in corso di sviluppo. Un caso classico è stato quello dell’emigrazione dall’Europa verso il Nuovo Mondo nel corso del diciannovesimo secolo. Tra il 1840 e il 1914, 55 milioni di persone hanno lasciato l’Europa per stabilirsi in America – si tratta di molte più persone, in rapporto alla popolazione esistente, rispetto alle migrazioni avvenute a partire dalla Seconda Guerra Mondiale. Si trattava in quasi tutti i casi di migranti economici, spinti dalla fame o dalla depressione del mondo agricolo a lasciare il proprio paese, e trascinati verso il Nuovo Mondo dalla promessa di ottenere terra gratuitamente e di costruirsi una vita migliore.

Quando il mondo si è industrializzato e si è riempito di persone, il flusso di persone dal mondo sviluppato verso il mondo in via di sviluppo si è rovesciato. La povertà e la fame hanno continuato a spingere i migranti ad abbandonare i paesi più poveri; adesso, però, il fattore trainante non è la promessa della terra gratuita, ma la speranza di un lavoro migliore nel mondo sviluppato.

Questa dinamica ha avviato le tensioni che vediamo oggi. Dopo la Seconda Guerra Mondiale, i governi occidentali hanno sviluppato delle politiche mirate a bilanciare i benefici economici dell’immigrazione (disponibilità di lavoro a basso costo) con la protezione dei posti di lavoro e degli standard di vita dei lavoratori. Per esempio, tra il 1955 e il 1973 la Germania dell’Ovest ha consentito l’afflusso di 14 milioni di “lavoratori ospiti”, in gran parte dalla Turchia. Sebbene questi “ospiti” avrebbero dovuto tornare al paese di origine dopo due anni, i controlli si sono progressivamente indeboliti nel contesto di una generale transizione verso una sempre maggiore libertà di commercio e libertà di movimento dei capitali.

Assieme ai motivi economici, la migrazione è sempre stata  spinta anche da motivi etnici, religiosi e politici. Gli esempi includono l’espulsione degli ebrei dalla Spagna nel 1492, degli ugonotti dalla Francia nel 1685, dei tedeschi e di altre etnie dall’Europa dell’est dopo la Seconda Guerra Mondiale, di alcuni palestinesi da Israele nel 1948, e degli indiani dall’Uganda negli anni ’70.

Negli anni recenti i rifugiati sono scappati soprattutto dalle persecuzioni o dall’estrema insicurezza dovuta alla disintegrazione del loro paese. Abbiamo visto situazioni di questo tipo nei Balcani negli anni ’90, o in Afghanistan e nel Corno d’Africa negli anni 2000. I cinque milioni di siriani attualmente sparsi in Turchia, Libano e Giordania rappresentano l’ultimo drammatico esempio di questa serie.

Per questa classe di migranti, i fattori di “fuga” [più che quelli di “attrazione”] sono decisamente fondamentali. Ma la linea di demarcazione tra rifugiati e migranti economici è sempre più sfumata. La Storia indica che la maggior parte dei rifugiati non fa ritorno al proprio paese di origine. Il senso di estrema insicurezza impiega troppo tempo a scomparire, e nel frattempo subentra il desiderio di una vita migliore.

Questo spiega un elemento importante della percezione popolare, infatti la maggior parte delle persone dei paesi ospitanti non distingue tra migranti economici e rifugiati. Entrambi sono accomunati e percepiti come richiedenti risorse, non come persone che creano delle risorse. La fuga degli asiatici orientali dal Kenya durante la campagna di “africanizzazione” del paese portò direttamente alle leggi anti-immigrazione nel Regno Unito nel 1968.

Questa prospettiva storica suggerisce tre conclusioni. Primo, il sentimento anti-immigrazione non è basato solo sul pregiudizio, l’ignoranza o l’opportunismo politico. Il linguaggio anti-immigrazione non è solo costruito socialmente. Le parole non sono solo lo specchio delle cose “là fuori”, ma hanno anche una relazione con esse. Non potete manipolare qualcosa se non c’è qualcosa da manipolare. Non possiamo modificare le parole se non modifichiamo anche la realtà a cui le parole si riferiscono.

Seconda cosa, l’epoca degli spostamenti liberi e non regolamentati di grandi masse di persone si sta chiudendo. Come mostra il voto sul Brexit, la classe politica europea sottostima ampiamente le tensioni provocate dalla libertà di movimento attraverso le frontiere – “libertà di movimento” che sarebbe poi la parola d’ordine del fallimentare progetto neoliberale di massimizzare l’allocazione delle risorse tramite il mercato. Il difetto fatale della libertà di movimento nell’Unione Europea è che tale libertà presuppone sempre che ci sia uno stato a gestirla. Questo stato non esiste. Dare alle persone un passaporto europeo non legittima di per sé il mercato unico del lavoro, ed è questo il motivo per il quale il “freno d’emergenza” sull’immigrazione all’interno dell’Unione Europea è ora inevitabile.

Terzo punto, dobbiamo riconoscere il fatto che la maggior parte dei rifugiati che arrivano nell’Unione Europea non ritornerà, poi, a casa propria.

La strada che abbiamo davanti a noi è difficile. I primi passi da fare sono quelli di incrementare la sicurezza degli elettori, e farlo nel senso più ampio possibile, perché queste scelte sono sotto il controllo dei leader politici. Si tratta di misure che non includono solo la limitazione del numero di migranti economici da accogliere, ma anche politiche che garantiscano la piena occupazione e la continuità del reddito. Solo se l’insicurezza economica degli elettori sarà ridotta c’è una qualche speranza di attuare delle politiche attive per integrare i rifugiati, il cui numero non può essere direttamente controllato dai leader politici occidentali.

Il problema irrisolto è come ridurre i fattori che spingono le persone a lasciare il proprio paese.

Possiamo sperare che lo sviluppo dell’Europa orientale – o del Messico – pareggerà in qualche modo le condizioni economiche in modo da far terminare i flussi netti da una regione verso l’altra. Ma come porre termine al flusso di rifugiati dal Medio Oriente e dall’Africa è una questione decisamente più scoraggiante. Ristabilire l’ordine e creare delle autorità legittimate sono precondizioni per lo sviluppo economico, ma non sappiamo come fare per raggiungerle. In certi casi ciò può richiedere di ridisegnare i confini. Ma è difficile ridisegnare confini senza anni di combattimenti, ed è difficile capire come l’Occidente possa ridurre gli spargimenti di sangue.

Una cosa mi sembra sicura: senza una maggiore sicurezza da entrambe le parti, la violenza politica si riverserà dal mondo islamico verso i suoi vicini più prossimi in Europa.

Annunci

Informazioni su vaturu

I am a sardinian patriot
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...