IN GRECIA LA TROIKA VIETA DI SUONARE LE CAMPANE. MA LO SA INTROVIGNE?

 

 

santorini-greece-2

 

“Il governo Tsipras   ha  scatenato una (presentata come) polemica con la Chiesa ortodossa di Grecia a proposito dell’insegnamento della religione (e delle religioni) nelle scuole, in un paese dove la Chiesa non è separata dallo Stato… salvo che lo Stato è nelle mani dei mondializzatori e la Grecia non è più un paese, ma un territorio neo-colonizzato, amministrato dall’estero scelto fra i tanti col fine di applicare la sperimentazione olistica e totalitaria della “governance planetaria”.

 

Nei … territori dove la Chiesa non è affatto separata dallo Stato… i mondializzatori del supposto nuovo ordine mondiale, altrimenti detti rappresentanti della Troika, hanno di recente preteso dal “governo” così come dalla Chiesa, di non far più suonare le campane al momento delle messe e di non far più effettuare la celebre processione pubblica dell’”Epitaffio del Venerdì Santo”. Durante questa cerimonia, i fedeli seguono la bara di Gesù con le candele accese in mano, facendo il giro della propria parrocchia, e poi il giro delle piazze centrali delle rispettive città; ogni chiesa fa la propria cerimonia ed organizza una processione accompagnata da una banda che intona canzoni funebri. Infine, i “Troikani” hanno anche chiesto alla Chiesa di accorciare la durata delle messe, soprattutto quelle della Settimana Santa   (reportage della stampa Greca e Radio “Realfm” 4 ottobre 2016).

Il diavolo si nasconde decisamente nei dettagli e questa incursione della Troika fino alle pratiche religiose concrete dei  Greci non riesce a nascondere la volontà di distruggere le specificità culturali (tra le altre) di tutto un popolo. E’ in questo modo che la mondializzazione non troverà più ostacoli. E on è necessario essere un praticante dell’Ortodossia per vedere in queste richieste anche un tentativo di destabilizzazione dell’asse geopolitico (reale o comunque presente nelle mentalità dei due popoli) tra la Russia e la Grecia.

FONTE:   PANAGIOTIS GRIGORIOU (Greekcrisis.fr)

 

Massimo Introvigne ci ha  rivelato qualche giorno fa che “Putin perseguita i cristiani”.  Nella sua qualità di ex Rappresentante dell’OSCE per la lotta contro il razzismo, la xenofobia e la discriminazione, con un’attenzione speciale ai alla discriminazione contro i cristiani, ed  elogiato animatore della “lotta all’intolleranza contro cristiani” in vari vertici europei fra Roma, Vienna e soprattutto Vilnius, sotto l’egida della Presidenza Lituana,  gli  segnaliamo il fatto denunciato qui da Grigoriou Panariotis. Ma lui, così attento, lo sa che la Troika  ossia il trio Commissione Europea, Banca Centrale Europea e Fondo Monetario, agenti  pignoratori della nazione greca, ha vietato alla chiesa ortodossa ellenica di suonare le campane e accorciare la durata della Messa? A noi sfugge il motivo per cui i rappresentanti dei creditori si occupino di cose tali. Forse i pope non devono suonare la campane per risparmiare energia e riservarla al pagamento del debito? Forse accorciare la durata delle Messe si spiega nel quadro di  risparmi e tagli all’osso a cui il popolo ellenico è costretto da anni?  Lui così sensibile alle malefatte di  Putin, feroce  oppressore di religioni cristiane,  saprà indagare e denunciare nelle sedi appropriate. A Vilnius,  chissà.

Informazioni su vaturu

I am a sardinian patriot
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...