JUNCKER E I VERTICI UE IMPONGONO UNA LEGGE PER CONSENTIRE “L’AUMENTO DELL’IMMIGRAZIONE DALL’EST EUROPA”

 

L’Express ci rivela che, mentre ad ogni consultazione elettorale i cittadini europei bocciano  i candidati che appoggiano la Ue e le sue politiche, Juncker non si lascia scappare occasione per tentare di ampliare il proprio dominio ed estendere i confini Ue verso le ex repubbliche sovietiche, assicurando nel contempo l’ennesimo ingresso in Europa di manodopera a basso costo, pronta a far concorrenza alle già sofferenti classi europee medio-basse. 

 

Di Patrick Christys, 21 dicembre 2016

L’Unione europea è sotto accusa per aver consentito “un’ondata di immigrati provenienti dall’est”, avendo concesso l’accesso senza visto ai cittadini di nazioni impoverite e devastate dalla guerra come Ucraina e Georgia – una mossa che rischia di irritare Vladimir Putin.

Jean-Claude Juncker è stato accusato di aver infranto una promessa importante fatta agli olandesi consentendo agli ucraini un accesso semplificato al continente europeo, dopo aver detto ai funzionari dei Paesi Bassi che non ci sarebbe stato alcun diritto per i lavoratori provenienti dall’Europa orientale di vivere nell’eurozona.

La decisione è considerata potenzialmente rischiosa dagli esperti, i quali ritengono che l’UE dovrebbe aspettare che questi paesi diventino democrazie consolidate prima di concedere ai loro cittadini libero accesso al continente.

L’Ucraina è rimasta invischiata in un sanguinoso conflitto dopo che la Russia ha annesso la Crimea nel 2014 (o per meglio dire, dopo che in precedenza il governo democraticamente eletto è stato rovesciato da un colpo di stato… NdVdE).

Il politico ed economista di Alternativa per la Germania, Leif-Erik Holm, ha detto:

“Attualmente possiamo vedere un aumento dei migranti provenienti dall’est. A mio parere non dovremmo introdurre un regime di esenzione dai visti con paesi molto instabili.

Potremmo considerare una mossa del genere nel lungo periodo, quando questi paesi torneranno ad essere democrazie stabili ”.

Nonostante l’attuale instabilità e una vera e propria guerra in corso nella regione, il Parlamento europeo ha approvato l’abolizione dei visti per entrare in Europa continentale da parte di georgiani e ucraini.

Il Consiglio europeo ha poi dichiarato che procederà a completare  le procedure necessarie a concedere a Kiev e Tbilisi un accordo per l’abolizione dei visti.

Il leader del gruppo fiammingo anti-Ue, Robert Oulds, ha detto:

Be’, sembra che l’Unione europea stia rompendo la promessa che ha fatto al popolo olandese, dato che gli olandesi nel mese di marzo hanno votato contro l’accordo di associazione tra l’Unione europea e l’Ucraina.

E hanno inoltre stabilito che non ci dovrebbe essere alcun legame militare tra l’Unione europea e l’Ucraina e che non si dovrebbe concedere ai cittadini ucraini il diritto di vivere e lavorare all’interno dell’Unione europea“.

Gli scettici hanno suggerito che questa mossa è un tentativo mascherato di assicurare un afflusso di manodopera a basso costo dagli ex paesi satelliti sovietici  e contemporaneamente indebolire l’influenza del Presidente Putin nella regione.

Oulds ha aggiunto:

Soprattutto nel caso della Georgia, l’Unione europea sembra essere intenzionata a non lasciarsi scappare l’occasione di ottenere manodopera a basso costo.

Questi paesi soffrono di grandi difficoltà economiche. L’economia ucraina è stata gravemente danneggiata, e anche la Georgia ha seri problemi.”

Annunci

Informazioni su vaturu

I am a sardinian patriot
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...