COSMIC DISCLOSURE: PROFEZIE HOPI E ZUNI CON CLIFFORD MAHOOTY

COSMIC DISCLOSURE: PROFEZIE HOPI E ZUNI CON CLIFFORD MAHOOTY

s8e10_hopi_and_zuni_prophecies_16x9.jpg

Profezie Hopi e Zuni con Clifford Mahooty. Cosmic Disclosure.

David Wilcock

Bene, benvenuti a Cosmic Disclosure, io sono David Wilcock e siamo qui con il nostro ospite Clifford Mahooty, che è stato portato alla nostra attenzione da parte del nostro insider, Corey Goode. Così siamo qui per continuare questa affascinante discussione.
Clifford, benvenuto allo spettacolo.

Clifford Mahooty

Sono lieto di essere qui.

David

E Corey, grazie per essere qui.

Corey Goode

Grazie.

David

Così Clifford, andiamo ora a parlare di alcuni di questi manufatti molto interessanti che la tua gente, gli Zuni, hanno avuto in loro possesso. Tu hai già dichiarato pubblicamente che credi che siano artefatti fuori da questo mondo. Potresti essere un po’ più specifico?

Clifford

Credo che una delle prime cose del mondo là fuori che ho imparato sono i cristalli. E questi erano entrambi utilizzati come trasmettitori e ricevitori, quindi immagino che ricadrebbero nella categoria dei ricetrasmettitori. E li avrebbero utilizzati per le comunicazioni con gli altri gruppi, in questo caso, probabilmente alcuni dei gruppi sacri in tutta la terra qui sul pianeta, e anche in altri luoghi. E ci sono stati alcuni manufatti che furono salvati nel corso degli anni, ma la maggior parte di loro sono ora nelle mani di quelle persone che non sanno cosa sono.

David

Quindi questi sembrano cristalli regolari o hanno un aspetto scolpito? Oppure, che cosa vedremmo?

Clifford

Hanno forme diverse. Alcuni di loro sono naturali. Come se si prendesse un cristallo di quarzo, per esempio, hanno le stesse dimensioni. E alcuni di loro sono rotondi, le palle di cristallo che usano per guardarci dentro, soprattutto nelle altre società e in altri gruppi in tutto il mondo. E ho anche studiato i termini di ciò che utilizzano ora nei computer.

La tecnologia informatica è utilizzata anche nella tecnologia dei cristalli, soprattutto per lo stoccaggio dei dati. E credo che la utilizzino come una banca di informazioni che potrebbe essere infinita. E, naturalmente, si connettono anche con altri sistemi, forse fuori dal mondo o interni, in grado di trasmettere messaggi e probabilmente attraverso queste tecnologie già esistenti sin da allora, a mio avviso, fin dall’inizio della cultura indiana e dell’umanità.

Corey

Così i cristalli memorizzano in realtà le informazioni.

Clifford

Sì.

Corey

Quindi c’è un po’ di correlazione. Nella precedente testimonianza qui a Cosmic Disclosure abbiamo parlato del gruppo della Terra Interna, l’Anshar. E usano i cristalli come computer, fondamentalmente, giganti. Sono banche dati per le informazioni.

Clifford

Uh-hm.

Corey

Quindi una sorta di correlazione interessante è che ci si possono memorizzare informazioni e usarli anche come ricetrasmettitori per comunicare, credo, con le persone dello spazio e le persone del mondo interiore.

Clifford

Penso che siano di tutte le dimensioni diverse, se vuoi guardarla in questo modo, non solo le dimensioni di cui noi come umani siamo consapevoli. Ma credo che vanno al di là di altre aree o zone dimensionali, forse in un sistema interdimensionale, di cui non ho veramente idea. Ma penso che questi messaggi siano ricevuti istantaneamente nella maggior parte dei casi. E un sacco ne sono stati utilizzati dalle tribù primitive per le pratiche di guarigione. E le pratiche di guarigione sono utilizzate anche da altri gruppi per interconnettersi anche con altri, forse, il mondo interiore, fuori dal mondo e anche con i sistemi di superficie per il trasferimento della conoscenza più richiesta in quel momento. E di solito è fatto senza alcun linguaggio. Proprio, immagino, in un certo senso, proprio per trasmettere in zone diverse…

Corey

Il pensiero.

Clifford

Per la comunicazione. L’elaborazione del pensiero.

Corey

Giusto.

David

Così Clifford, c’erano altri artefatti che gli Zuni hanno ottenuto dalla gente delle stelle a cui sei a conoscenza?

Clifford

Credo che ci fossero molte cose che sono state date o sopravvissute per migliaia di anni, ma la maggior parte di loro sono state prese dai primi esploratori come il Museo Smithsonian. E ci sono molti documenti. E li ho anche visti nel 1960, alcune delle cose che hanno preso dagli Zuni in varie spedizioni che partono dal 1880. E persino andarono a scavare qualche rovina, le rovine originali che erano rimaste lì durante l’invasione spagnola. E così quegli artefatti furono conservati nel Museo Smithsonian.

Siamo tornati indietro anni più tardi per richiederle, ma ci hanno detto che se ne erano sbarazzati o non potevano rintracciarli.

Ma io li ho visti nel 1966, alcune maschere, alcuni accessori che utilizzavano per scopi religiosi e di cura, e anche alcuni manufatti originali che recuperarono dalle tribù.

E così ci sono molte cose che erano in altri musei diversi, come l’ Hyde Museum di New York e altri musei in tutto il paese. Dopo la legge del rimpatrio degli indiani e la legge sulla tutela dei cimiteri, ne hanno restituite molte agli indiani, ma non sappiamo esattamente quale sia stato il procedimento.

Corey

C’era stata tecnologia, tecnologia off-world, coinvolta in ciò che lo Smithsonian ha rimosso, perché hai già detto che c’era… parlano di “scudi volanti” che appartenevano alla popolazione nativa, e in realtà loro ci volavano.

Clifford

Non solo hanno usato gli scudi volanti, ma anche altre navi che usavano per il trasporto ai tempi antichi.

David

Quando dici “scudi”, voglio solo essere chiaro. Sono delle sculture che dovrebbero apparire come dischi volanti o sono velivoli reali?

Clifford

È un velivolo, ma sembra uno scudo, gli scudi volanti. Si fa anche riferimento alle “zucche volanti”, che sono navi rotonde. Così, a quel tempo, a cosa potevano relazionarli?

David

Giusto.

Clifford

È qualcosa che comunque conoscevano bene. Quindi lo scudo, in questo caso, sarebbe qualcosa con cui ti proteggi… contro qualcos’altro. La maggior parte delle tribù indiane avevano i loro scudi protettivi nei giorni di guerra. E così questo era l’unico paragone che potevano fare. E se il tuo scudo volante sta volando in giro, beh, questo è l’unico riferimento che avevano.

David

Sei a conoscenza che qui a Gaia stiamo investigando su alcune mummie molto insolite e umanoidi. Avete avuto incontri con possibili artefatti di quella natura?

Clifford

li conosco solo attraverso le informazioni che mi hanno dato. Per esempio, quello che questa persona Hopi mi ha raccontato è che… specialmente il piccolo popolo che gli Hopi conoscevano molto bene. Ora, ho sentito parlare di altri esseri mummificati come quello che hanno preso dal Canyon di Chaco, e secondo questo stesso individuo, si trovava dentro un tronco che loro trasportarono da Chaco agli Hopi.

A prima vista sembrava mummificato. Ma aveva anche una copertura che sembrava… Se si guarda un pezzo di legno di mogano o una radice, una radice di mogano, è come traslucida. Ma ho percepito subito che c’era qualcosa di vivo… come un essere vivente. Ma era circa… Direi che è così lungo [Clifford allarga le mani di circa 75 cm].

David

Stai dicendo che era effettivamente lucido?

Clifford

Sì.

David

Come un lucido patinato?

Clifford

Si trattava di un certo tipo di linfa o di un certo tipo di composto che era lì.

David

Come per la mummificazione.

Clifford

Sì.

David

Wow!

Corey

Beh, probabilmente hanno visto… Anni fa, avrebbero trovato della linfa di albero e c’era qualcosa conservato dentro in esso come un insetto o qualcosa del genere. Probabilmente sapevano che potevano conservare…

Clifford

Per come la vedo io, questo lo hanno imparato dagli esseri off world. Siamo stati tutti educati da quelle persone.

David

Ora, questa mummia era come un normale uomo di un metro di altezza, o aveva alcune caratteristiche insolite?

Clifford

Aveva molte, molte caratteristiche insolite. Non sembrava affatto un essere umano.

David

Davvero?

Clifford

Sì. Sembrava come… La mia prima reazione è che era un ET perché ho visto tante foto di loro. E che la mia valutazione sulla base delle informazioni che ho studiato nel corso degli anni è che doveva essere una cosa vivente ET o off world, o qualcosa che non provenisse da una specie animale umana o regolare… un centauro…

David

Beh, posso fare alcune domande?

Clifford

Certo.

David

Okay. Aveva cinque dita, o…

Clifford

No, in quel momento non sono andato nel dettaglio perché me lo ha appena mostrato e ha detto: “Approfondiremo questo la prossima volta.” E io l’ho rispettato, e ho detto, “Okay, bene.”

Corey

E c’è la possibilità di essere in grado di ottenere delle foto ai raggi x.

Clifford

Ha anche espresso la volontà di avere qualcuno che esamini queste cose, perché lui è l’ultimo delle persone di First Mesa. E vuole che sia riconosciuto che: “Io ho queste informazioni“.
Quindi mi ha chiesto in un certo senso: “Cosa devo fare?” E io ho detto: “Beh, credo che dobbiamo documentarlo“. E uno di loro deve fare l’analisi scientifica di queste cose, perché sono cose troppo importanti per lasciarle andare.

David

Suppongo che abbia una testa umana come occhi, naso, bocca, o…

Clifford

Beh, ha le caratteristiche delle stesse cose di cui anche gli esseri umani sono fatti: occhi, gambe, mani.

David

Ma le proporzioni sono tutte diverse?

Clifford

Le proporzioni sono diverse. E potrebbe essere stata solo una delle specie più piccole… perché ci sono molte specie. Secondo i nostri insegnamenti, ci sono diverse taglie.

Anche nel piccolo popolo, ci sono dimensioni diverse. Nel mondo degli insetti, ci sono diverse dimensioni. Quindi potrebbe essere una delle stesse specie ma di un tipo diverso.

David

Wow!

Corey

Lui ha la storia… di come è stato trovato…

Clifford

Sì.

Corey

Dove è stato trovato?

Clifford

Ha tutta la storia.

Corey

Eccellente.

Clifford

E ha anche informazioni dettagliate su come l’ha avuto, quando è successo, le date e così via. Quindi è tutto molto accurato. Signor Malava, questo è il suo nome Hopi, e ha molte informazioni. Ed è come l’ultimo dei sacerdoti dei primi Hopi Mesa.

Sono tutti diversi. Ma si è fatto il portavoce di ciò che è rimasto durante i secoli dai nonni e dal gruppo da cui ha ottenuto i suoi insegnamenti. E sente che ora è il momento di far conoscere tutto questo al pubblico, soprattutto per due motivi.

La prima ragione è che egli vuole modificare la documentazione di questi altri scrittori che hanno raccontato un sacco di bugie sugli Hopi e creare una nuova e veritiera documentazione.

E l’altro è per tramandare tutte queste informazioni alle generazioni future. Anche se sembra che siamo alla fine di questo quarto mondo, vuole trasferire queste informazioni alla prossima generazione in modo che abbiano un’idea di quanta storia è coinvolta con i popoli Hopi. Ha tante informazioni, tra cui non solo le cose mummificate di cui ha parlato, gli scudi volanti, ma anche gli asteroidi e come è accaduto in passato e cosa potrebbe accadere in futuro. E si trova a quel punto della sua vita che vuole trasmettere queste informazioni al grande pubblico.

E nessuno… Ha cercato di convincere qualcuno a svolgere le proprie funzioni e le funzioni di tutto quello che è la First Mesa. Ma non ha trovato nessuno per lavorare con lui ed essere il suo discepolo.

E quindi quello che vuole fare è che vuole documentarlo e tramandarlo ovunque, dalle cose più semplici come l’approccio di tipo narrativo fino alle cose avanzate come quello di cui stiamo parlando.

Corey

Puoi spiegare un po’ le profezie Hopi del primo, secondo, terzo e quarto mondo e perché siamo al quarto?

Clifford

Beh, i primi tre sono stati distrutti dalle forze della natura, sai, come terra, vento, fuoco, terremoti. E l’ultima era, naturalmente, l’inondazione (il diluvio).

Ed è per questo che noi, come Pueblo, siamo sopravvissuti nel Grand Canyon, e siamo diventati come i custodi dei diversi piccoli popoli.

Questo è ciò che la nostra storia ci dice. Non è qualcosa che è stato fatto. Non è che qualcuno è arrivato da qualche parte e ci ha dato queste informazioni. Fa parte della nostra storia ed è il nostro sistema.

Corey

Come si collega il piccolo popolo al quarto mondo e al terzo mondo?

Clifford

Dal modo in cui lo descrivono, credo che non siano solo dal mondo interiore, ma credo anche che, secondo gli insegnamenti, fossero di altri sistemi off world che avevano visto, che ricadrebbero nella stessa categoria dei Guardiani e Custodi della nostra Terra che hanno visto questa catastrofe. E c’era un motivo per molti di questi passaggi, per così dire.

Devi eliminare dalla Terra le cose cattive. E penso che la stessa teoria valga anche con i dinosauri o i giganti, cioè per liberarsi di quelle cose. E chiunque sia responsabile, se lo chiami Dio o Grande Spirito o qualunque cosa, è quello che ha preso su di sé la responsabilità di dire che “siamo andati troppo lontano, o abbiamo commesso un errore, quindi rimettiamo tutto a posto un’altra volta“.

O che “l’umanità non ha seguito quello che abbiamo detto loro di fare e hanno deviato, quindi abbiamo dovuto distruggere quel pianeta in cui loro hanno creato un pasticcio“. E credo che questo si ripeta; la storia ripete se stessa. Adesso ci troviamo… Quello che gli Hopi, gli Zuni e gli altri Pueblo dicono è che ora siamo alla fine del quarto mondo.

David

Ogni mondo, come descritto, termina in una catastrofe di qualche tipo – queste pulizie di cui stai parlando?

Clifford

Secondo la storia che ho studiato, avevano dato loro le opportunità di non arrivare fino a quel punto, ma loro ci sono arrivati e hanno superato ciò che gli era stato detto di non fare. Quindi l’ultima risorsa era: “Beh, se non seguite quello che vi avevamo insegnato a fare, e lo state violando, non abbiamo altra scelta“.

Corey

Quando il piccolo popolo si rese conto che eravate alla fine del terzo mondo, dove hanno portato gli Zuni, per quanto tempo, e com’era la vita quando se ne andarono?

Clifford

Beh, secondo gli insegnamenti, eravamo nel quarto mondo underworld. Ed essi avanzarono passo dopo passo dal quarto mondo, che era “un mondo oscuro”.

E poi ogni livello successivo a cui sono passati è diventato molto più pulito e più luminoso di quelli precedenti. E ci sono molte, molte storie su come sono arrivati al mondo successivo. Gli Hopi usavano il flauto per evolversi. Gli Zuni, loro parlavano di piantare un certo albero, ma penso che queste siano solo allegorie che avevano per fare riferimento a questo.

E così sono saliti al mondo successivo, e sono rimasti lì per un po’. E poi alla fine siamo entrati in quello che chiamiamo “il mondo di luce“. E così usano l’allegoria del Padre Sole che crea tutto, che è vero in una certa misura, a causa della luce e di ciò che sappiamo oggi dell’energia del Sole.

Così ci sono un sacco di cose che si sono mescolate in quello che è… se la guardi dal punto di vista scientifico, che è vero dal punto di vista della fisica quantistica, e poi lo guardi anche dal punto di vista della spiritualità e li metti insieme, si adattano perfettamente alla interpretazione del discorso indiano e che cosa la fisica moderna vi dirà. E parlano della stessa cosa, ma con un linguaggio diverso e con un concetto diverso.

Corey

Gli Zuni e gli Hopi sono stati portati sottoterra per generazioni?

Clifford

Oh, per migliaia di anni.

Corey

Migliaia di anni.

Clifford

Almeno, sì.

Corey

E quando hai cominciato ad interessartene, hai saputo da dove è uscita la tua gente e dove sono andati?

Clifford

Beh, mi hanno detto al Grand Canyon…

Corey

Grand Canyon.

Clifford

E ci sono diversi posti. La confluenza del Little Colorado viene da est. E il Big Colorado… là c’è una cupola di travertino. La chiamano “Sipapu“.

Tutti gli indiani fanno riferimento ad un “Sipapu” o ad un “Sipapulima”. Ed è proprio qui che sono arrivati dalle altre parti dell’universo, devono avere un portale che attraversano, che oggi possiamo chiamare wormhole o vortice.

Corey

Wow! Quindi, quando gli Zuni sono stati portati sottoterra, potrebbero essere stati portati su un altro pianeta attraverso un portale.

Clifford

Uh-huh. Penso che se lo guardi davvero dal punto di vista della scienza, penso che essi siano stati effettivamente trasportati non solo nel mondo interiore, ma altri esseri sono venuti da fuori mondo. Sono passati attraverso quei, quello che chiamiamo, di nuovo, wormhole o vortici là fuori. E sono venuti direttamente da lì.

C’era una spedizione, specialmente dalla mia tribù Zuni, quella… reclutavano almeno 20 persone ogni anno. Li portavano nel Grand Canyon, ed era un viaggio di almeno 10 giorni in barca, e identificarono tutti i loro luoghi sacri, gli indiani non stavano cercando questi vortici, ma in realtà gli si mostrarono.

Corey

Il Grand Canyon ha molti altri misteri. Verso la fine del 1800, ci fu una scoperta di alcuni manufatti che sembravano probabilmente egiziani. Hai qualche informazione su questo?

Clifford

Beh, abbiamo fatto un documentario, penso quattro anni fa. [“Expedition to Sipapu”] E il nostro scopo era quello di andare là fuori e cercare la spedizione del 1980 che è stata finanziata dal Museo Smithsonian attraverso un tipo di nome Kincaid.

E lui è effettivamente entrato nella grotta, ed eravamo lì a cercare quel posto. E mentre eravamo lì, c’era qualche scavo che stava avvenendo. Non lo sapevamo fino a quando ci siamo arrivati. E l’intenzione era di andare avanti e di scoprire la grotta dove c’erano le statue egiziane e buddiste che sono state rimosse dalla spedizione di Kincaid e trasportate al Museo Smithsonian a Washington DC.

Abbiamo chiesto alle autorità ufficiali, e ci è stato detto che le avevano buttate nell’oceano, statue d’oro.

David

Sì.

Corey

Avevamo sentito parlare di scheletri di giganti, corpi di giganti, che in passato sono stati scaricati nell’oceano dal Museo Smithsonian.
Foto giganti Smithsonian

Clifford

Sì. Ma quella spedizione è su YouTube. Si chiama “Expedition to Sipapu”. È tutto documentato. Siamo andati negli archivi.

Corey

Ma non ricordi storie specifiche di popoli che vivevano lì in diverse terre?

 

Sipapu

Un Sipapu

Clifford

Beh, sai, devi ascoltare veramente la storia e devi capire davvero il senso di ciò che intendono. Quando dicono che sono passati… Ricordi, ho detto che sono passati attraverso dei livelli… Quindi dovevano essere lì sotto. E questo è… abbiamo una vita ciclica. Tutti ritorneremo a dove siamo, che è la Terra Interiore.

E la Terra Interiore si può visitare con l’OBE, sai, l’esperienza fuori dal corpo. E so di molte persone che sono state lì, e sono diventate tristi nel tornare qui perché là è così bello. So che non stanno mentendo. Non possono mentire a me.

Corey

Ho avuto un po’ di esperienza con questo io stesso.

Clifford

Sì, è bello, dicono. “Non volevo tornare“, dicono.

Corey

Credo nella tua testimonianza, ma tu hai citato anche un altro tipo di insetto.

Clifford

Quelli di tipo mantide religiosa?

Corey

Sì. Molta gente tra il pubblico avrà familiarità con gli insetti del tipo mantide.

Clifford

Sì. Penso che ci fossero altre specie, e non solo quelle che stanno fondamentalmente sul terreno, o all’interno del terreno come le formiche, le specie insettoidi, ma c’erano anche altre specie che erano anche insegnanti.

Corey

Ho trovato qualcosa di interessante negli smart-glass ipad circa i nativi americani che raccontavano di un gruppo chiamato “I Due Cuori”. E l’ho trovato interessante perché i Rettiliani hanno un cuore primario e un cuore secondario. Pensi che questi siano gli stessi esseri?

Clifford

Secondo la mitologia o le storie degli Zuni, tutte le persone create erano tutte persone buone. Ma c’erano le persone a due cuori, che ora chiamiamo “la gente delle forze oscure“, o con un termine più chiaro sono chiamate “la gente della stregoneria“.

Quelle sono le persone chiamate “a due cuori” perché non hanno la stessa missione di un essere umano normale. La loro missione è quella di essere la forza oscura per l’equilibrio.

E l’equilibrio doveva essere il controllo della popolazione. Ma hanno oltrepassato quel controllo e sono diventati più potenti, ed è quello che stiamo attraversando in questo momento. Siamo in uno squilibrio della Forza Oscura. Ma sta per essere bilanciato.

David

Una delle cose, Clifford, in termini di ricerca che credo sia molto convincente, è che quando guardi questi crani originariamente presenti in Sudafrica, i crani di Boskop, sono tutti allungati. Il cervello è circa il doppio della dimensione di un cervello normale. Questo non è il risultato del bendaggio della testa. Li troviamo in Siberia. Li troviamo in Sudafrica. Tutte le rappresentazioni egizie dei faraoni hanno questa caratteristica.

Li abbiamo trovati in tombe in Europa. E sembra che alcune delle iscrizioni Maya classiche mostrano persone con crani allungati. Quindi mi chiedo se hai delle informazioni su questo.

Clifford

La teoria che ho esaminato è quella che all’inizio, per avere una leadership, per svolgere le funzioni del “nuovo umano“, è che hanno dovuto iniziare con un programma ibrido. E quelle persone, a quel tempo, erano ancora nelle fasi per diventare uomini avanzati. E sto parlando delle persone indigene.

Quindi dovevano passare attraverso una transizione. E credo che, sulla base delle preghiere e dei rituali, e questi sono i fatti storici, basati su uno studio globale su queste cose, tu li guardi, e vedi che questi erano un tipo speciale di persone. E avevano caratteristiche diverse rispetto al gruppo normale. Quindi, anche nella storia degli Zuni, i sacerdoti erano una sorta di qualcosa off world, ma allo stesso tempo erano persone di tipo “umanoide”.

Così hanno iniziato quella linea di sangue blu, per così dire – le organizzazioni dal sangue blu. E questo fu fatto da un certo gruppo, da un sistema di clan, o da un ordine di ciò che potresti chiamare un sistema sociale. Ci sono molte società nei diversi popoli.

Hanno la società della medicina, la società kachina, la società dei sacerdoti, in tutte le direzioni e in tutte le diverse… E ognuno ha certe specifiche funzioni.

David

Clifford, cosa ne pensi dei casinò costruiti sulla terra americana indiana?

Clifford

Le riserve indiane sono là dove si trovano i casinò. E hanno avuto l’accesso ad essi in tutti questi anni, ma credo che ci siano molte attività, attività costruttive, che si stanno svolgendo nelle riserve indiane perché è una terra in cui nessuno può entrare. È proprio come un parco nazionale, lo stesso status, o una base militare, lo stesso status.

Quindi possono portare avanti tutto ciò che vogliono. E i casinò hanno lo scopo di allontanare le persone dalle loro solite attività e di portargli via tutti i loro soldi, numero uno. E poi anche per dare loro un’altra perversione, perché diventano alcolisti.

Hanno già avuto violenze domestiche, droghe e tutto il resto.

Corey

Si buttano nel gioco d’azzardo.

Clifford

Quindi, questa è un altra cosa. Il gioco d’azzardo… puoi farlo anche da sobrio. Quindi credo che sia un’altra deviazione.

David

Pensi che ognuna di queste terre sacre per gli indiani americani abbia zone sotterranee sotto, che forse questi casinò sono stati costruiti in modo che abbiano una bella copertura per accedere a quelle aree sotterranee?

Clifford

Sì, certo, specialmente per esempio, come a Jicarilla Apache, Dulce [Nuovo Messico]. Penso che ci siano due casinò. Le storie e le leggende, o molte volte, la mitologia, su alcuni di quei luoghi raccontano che le persone sotterranee occupavano – e lo fanno ancora oggi – andavano in quelle montagne per i pellegrinaggi di diverse tribù.

Ecco dove avevano il contatto direttamente con loro. Ma più il tempo passava più cominciavano a metterli dentro i recinti. Hanno cominciato ad isolarli… e così non hanno più…

Corey

Non hanno più avuto l’accesso. Quindi sono stati i militari a bloccare questi posti?

Clifford

Nessuno sa veramente chi. Ma non potrei ricevere informazioni da quelle persone perché… Penso che hanno firmato un documento, tipo “Se qualcuno ti chiede di questo, tu non dirglielo.”

Corey

Nondisclosure.

Clifford

Così hanno detto: “Bene..”. E sono stati pagati con molti soldi.

David

Bene, Clifford, questo è stato davvero fantastico, e ti sono così grato che hai voluto presentare e condividere con noi tutte le tue conoscenze. E Corey, hai qualcosa che ti piacerebbe dirgli in chiusura?

Corey

Sì. È stato un onore averti qui con le tue informazioni. Sono molto felice che questo possa essere un canale informativo per correggere un sacco di idee sbagliate sui popoli Hopi e Zuni.

Clifford

Sono contento di essere stato qui con voi.

David

Beh, grazie, Clifford. E voglio ringraziarvi per aver visto. Questa è Cosmic Disclosure con Corey Goode, me stesso David Wilcock e il nostro ospite speciale, Clifford Mahooty.

 

Annunci

Informazioni su vaturu

I am a sardinian patriot
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...