GLI STATI UNITI SI PREPARANO ALLA GUERRA CON LA RUSSIA?

GLI STATI UNITI SI PREPARANO ALLA GUERRA CON LA RUSSIA?

Leonid Savin

Sa Defenza

La RAND Corporation ha recentemente pubblicato un documento intitolato “Sovraestendere e sbilanciare la Russia. Valutare l’impatto delle opzioni di imposizione dei costi” [1]. Lo studio è lo sforzo collettivo di diplomatici esperti, tra cui l’ex sottosegretario di Stato per l’Europa e ambasciatore degli Stati Uniti presso l’Unione europea James Dobbins; un professore (Brookings Institution, American Enterprise Institute, National Defense University) e tenente colonnello dell’intelligence militare nella Riserva dell’Esercito, Raphael Cohen; altri sette ricercatori RAND specializzati in relazioni internazionali, industria militare, intelligence, politica e tecnologia.

È una raccomandazione pratica su come gli Stati Uniti possono usare la debolezza e la vulnerabilità della Russia per limitare ulteriormente il suo potenziale politico ed economico. È anche una sorta di riassunto di una monografia molto più ampia di circa 300 pagine intitolata “Extending Russia. Competing from Advantageous Ground” [2] dagli stessi autori.

Quindi, quali sono esattamente questi influenti analisti politici che suggeriscono all’establishment americano?

Il loro intero spettro di operazioni è diviso in quattro sezioni: economica, geopolitica, ideologica, informativa e militare. È chiaro che gli esperti hanno affrontato lo sviluppo della loro strategia razionalmente, misurando i costi potenziali per gli stessi Stati Uniti.
La sezione economica è composta da quattro opzioni che la Russia ha già subito direttamente negli anni precedenti. Il primo di questi è l’espansione della produzione e dell’esportazione delle risorse energetiche statunitensi, che influenzerebbe i prezzi globali e limiterebbe quindi i profitti della Russia. Il secondo è il rafforzamento delle sanzioni, in cui il coinvolgimento di altri paesi in tale processo è considerato essenziale. Il prossimo è aiutare l’Europa a trovare nuovi fornitori di gas, comprese le forniture di GNL. E, infine, incoraggiando la migrazione dalla Russia verso altri paesi, specialmente per quanto riguarda lavoratori qualificati e giovani istruiti. Si presume che le prime tre opzioni sarebbero le più vantaggiose per gli Stati Uniti, sebbene l’imposizione di sanzioni più profonde potrebbe comportare determinati rischi.

Nella sezione sulle misure geopolitiche, gli esperti statunitensi propongono sei scenari geopolitici volti a indebolire la Russia. Non coinvolgono solo la Federazione Russa, ma anche i paesi vicini. Ogni scenario presenta determinati rischi, costi e un impatto previsto.

Secondo gli americani, aiutare l’Ucraina rifornendo il paese di armi avrebbe sfruttato la più grande vulnerabilità della Russia. Tuttavia, qualsiasi aumento dell’offerta di armi e consulenza statunitensi all’Ucraina dovrebbe essere attentamente calibrato al fine di aumentare per la Russia i costi di sostenere gli impegni esistenti senza provocare un conflitto molto più ampio in cui la Russia, in ragione della vicinanza, avrebbe significativi vantaggi.

Questa è la prima opzione. Gli esperti RAND ritengono che questa sarà la più vantaggiosa, ma che la sua possibile realizzazione comporterà anche rischi elevati.

La seconda opzione è di aumentare il sostegno ai ribelli siriani. Ciò potrebbe mettere a repentaglio altre priorità politiche statunitensi, tuttavia, come la lotta al terrorismo islamico radicale e potrebbe destabilizzare ulteriormente l’intera regione. Potrebbe non essere nemmeno possibile, data la radicalizzazione, la frammentazione e il declino dell’opposizione siriana.

Gli esperti RAND capiscono ovviamente tutti i possibili pericoli coinvolti in questo scenario, ma, leggendo tra le righe, è facile vedere che questa opzione sta fondamentalmente implicando l’uso di gruppi terroristici negli interessi geopolitici degli Stati Uniti. Non c’è nulla di nuovo in questo metodo in sé e per sé, ma può essere piuttosto costoso da implementare e comporta notevoli rischi e, nel migliore dei casi, la probabilità di successo è moderata. Potrebbe anche sconvolgere i tradizionali alleati americani, come accaduto durante l’invasione dell’Iraq per rovesciare Saddam Hussein.

La terza opzione è la promozione della liberalizzazione in Bielorussia. Gli autori, tuttavia, ammettono che è improbabile che questo riesca e potrebbe provocare una forte risposta dalla Russia, che porterebbe ad un generale peggioramento della situazione della sicurezza in Europa e sarebbe una battuta d’arresto per la politica statunitense. Come con la prima opzione, presenta un rischio elevato, ma i benefici potrebbero anche essere considerevoli. Inutile dire che ciò a cui ci stiamo riferendo è una rivoluzione colorata nella Repubblica di Bielorussia. La leadership del paese dovrebbe prestare attenzione a questa raccomandazione della RAND Corporation e convocare i diplomatici statunitensi a Minsk per un commento.

L’espansione dei legami nel Caucaso meridionale, che compete economicamente con la Russia, è la quarta opzione, ma sarebbe difficile da attuare a causa della geografia e della storia.

Il quinto scenario è ridurre l’influenza della Russia in Asia centrale, cosa che potrebbe anche rivelarsi difficile e sproporzionatamente costosa per gli Stati Uniti.

Il sesto, ed ultimo, scenario consiste nell’organizzare una rivolta in Transnistria e l’espulsione delle truppe russe, che sarebbe un duro colpo per il prestigio della Russia. Ciò potrebbe anche avere l’effetto opposto, tuttavia, dal momento che Mosca risparmierebbe denaro, ma potrebbe portare a costi aggiuntivi per gli Stati Uniti e i loro alleati.

Va notato che tutti e sei gli scenari sono diretti ai vicini della Russia. Sono una sorta di rielaborazione della vecchia strategia dell’anaconda scatenata ai confini della Russia.

La sezione sulle misure ideologiche e informative è mirata alle politiche interne della Federazione Russa ed interferisce essenzialmente negli affari del Paese. Ci sono solo quattro scenari, ma parlano da soli: minare la fiducia nel sistema elettorale; creare l’idea che l’élite politica non serve gli interessi della società; istigare proteste e resistenza non violenta; e minare l’immagine della Russia all’estero.

Significativamente, le misure militari proposte contro la Russia hanno il maggior numero di opzioni e sono separate in tre aree strategiche: aria, mare e terra.

Si afferma che il riposizionamento dei bombardieri ad una distanza ravvicinata dai principali obiettivi strategici russi avrebbe un’alta probabilità di successo e attirerebbe senza dubbio l’attenzione di Mosca e causerebbe disagio. I costi e i rischi associati a questa opzione sarebbero abbastanza bassi, a condizione che i bombardieri fossero basati fuori della portata della maggior parte dei missili da crociera balistici e terrestri russi. Si dovrebbe ripetere con i jet da combattimento, in modo che siano più vicini ai loro bersagli dei bombardieri. Sebbene gli esperti RAND credano che tale azioni possa preoccupare Mosca più dell’opzione con i bombardieri, la probabilità di successo è bassa ma i rischi sono alti. Dato che ogni velivolo dovrebbe volare per diverse sortite durante un conflitto convenzionale a causa del basso carico utile, c’è il rischio che possano essere distrutti a terra e che i loro aeroporti possano essere bloccati in breve.

Il dispiegamento di ulteriori armi nucleari tattiche in parti dell’Europa e dell’Asia potrebbe accrescere la preoccupazione della Russia, che potrebbe condurre ad un significativo aumento degli investimenti nelle sue difese aeree. In combinazione con l’opzione “bombardieri”, ha un’alta probabilità di successo, ma schierare un gran numero di queste armi potrebbe far reagire Mosca in modo contrario agli interessi degli Stati Uniti e dei suoi alleati.

Anche riposizionare i sistemi di difesa dai missili balistici degli Stati Uniti ed alleati per dissuadere meglio contro i missili balistici russi metterebbe Mosca a disagio, ma sarebbe probabilmente l’opzione meno efficace dal momento che la Russia ha un sacco di missili che potrebbero essere utilizzati per eventuali aggiornamenti. Per giunta, gli obiettivi statunitensi e quelli alleati resterebbero a rischio.

Il rapporto suggerisce anche lo sviluppo di nuovi bombardieri a lungo raggio e bassa osservabilità o l’aumentare significativamente il numero di quei tipi che stanno già causando disagio a Mosca. C’è anche menzione di un alto numero di aerei da attacco autonomi o pilotati a distanza.

Come sottolineano gli esperti RAND, il rischio principale di queste opzioni è una corsa agli armamenti, che potrebbe portare a strategie di imposizione dei costi dirette contro gli Stati Uniti. Ad esempio, investire in sistemi di difesa contro i missili balistici e armi spaziali metterebbe in allarme Mosca, ma la Russia potrebbe difendersi da tali sviluppi adottando misure che sarebbero probabilmente considerevolmente più economiche del costo di analoghi sistemi negli Stati Uniti.

Per quanto riguarda uno scontro marittimo, la RAND suggerisce di aumentare la presenza delle flotte statunitensi e alleate in quelle zone considerate potenzialmente pericolose a causa della Russia. Probabilmente è lecito ritenere che ciò si riferisca al Mar Baltico, all’Artico e al Mar Nero / bacino del Mediterraneo. Il rapporto menziona anche l’aumento degli investimenti nella ricerca e nello sviluppo di nuovi tipi di armi che potrebbero colpire i sottomarini nucleari russi. Allo stesso tempo, sarebbe una buona idea per gli stessi Stati Uniti aumentare la flotta di sottomarini nella sua triade nucleare. E, infine, per quanto riguarda il Mar Nero, il rapporto suggerisce di utilizzare la NATO per sviluppare una strategia di rifiuto dell’accesso – probabilmente attraverso lo spiegamento di missili anti-nave a lungo raggio – al fine di aumentare le spese di difesa della Russia in Crimea.

Sulla terraferma, gli autori del rapporto ritengono che dovrebbe esserci un aumento del numero di truppe europee della NATO schierate direttamente sul confine russo. Sottolineano inoltre l’importanza di aumentare le dimensioni e la portata delle esercitazioni della NATO in Europa, che invierebbero un chiaro segnale alla Russia. Un’altra opzione è quella di sviluppare missili a raggio intermedio, ma non di dispiegarli, il che costringerebbe la Russia ad aggiornare il suo programma missilistico (un costo aggiuntivo). Infine, il rapporto suggerisce di investire in nuove tecnologie (armi basate su nuovi principi fisici come i laser) per contrastare i sistemi di difesa aerea russi.

Come si può vedere, tutte e quattro le sezioni sono complementari nella loro diversità. Il Pentagono ha già lavorato su alcune innovazioni negli ultimi anni come parte della Terza Strategia di Offset, mentre il budget attuale e quello venturo suggeriscono che, in un modo o nell’altro, gli Stati Uniti continueranno a costruire la propria potenza militare.

Insieme ad altri documenti consultivi per i governanti di alto livello negli Stati Uniti, questo rapporto degli esperti RAND è la prova di una campagna su larga scala condotta contro la Russia. È sorprendente, tuttavia, che tutte le raccomandazioni, in particolare quelle incluse nella sezione militare, stiano praticamente puntando alla preparazione di una guerra con la Russia. Si parla tranquillamente di ciò che gli Stati Uniti possono fare riguardo i trattati di limitazione delle armi esistenti, su come usare la NATO e su come usare l’Ucraina nella guerra con la Russia, specialmente sulla terraferma e nel teatro delle operazioni del Mar Nero. Non c’è dubbio che le raccomandazioni stesse siano state trasmesse ai centri decisionali statunitensi molto tempo prima dell’aprile 2019, quando fu pubblicata la monografia. Non resta che monitorare l’implementazione di questi scenari e adottare le appropriate contromisure.

[1] https://www.rand.org/pubs/research_briefs/RB10014.html 
[2] https://www.rand.org/pubs/research_reports/RR3063.html

*****

Sa Defenza non effettua alcun controllo preventivo in relazione al contenuto, alla natura, alla veridicità e alla correttezza di materiali, dati e informazioni pubblicati, né delle opinioni che in essi vengono espresse. Nulla su questo sito è pensato e pubblicato per essere creduto acriticamente o essere accettato senza farsi domande e fare valutazioni personali.

https://sadefenza.wordpress.com/2019/06/18/gli-stati-uniti-si-preparano-alla-guerra-con-la-russia/

Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli  ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM

Informazioni su vaturu

I am a sardinian patriot
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...