Avviso sui possibili eventi falsi al Super Bowl

Avviso sui possibili eventi falsi al Super Bowl

Ho ricevuto alcune informazioni che potrebbero essere rilevanti per 2/4 e un’altra possibile falsa bandiera di rappresaglia per il Memo FISA:

Protesta della estrema sinistra a Minneapolis il 2/4, che si conclude con una marcia sullo stadio.

Il “Next Waco” è su Trump. Sembra che i cappelli neri dell’FBI abbiano qualcosa in serbo per la FISA Memo.

m.youtube.com
Nicolle Wallace: “Lascia che dipinga un’immagine più cupa. Da un ex funzionario della sicurezza nazionale, il prossimo Waco che vengono uccisi nella linea del dovere, cioè …
Annunci
Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Cobra Aggiornamento della Situazione

Cobra Aggiornamento della Situazione

3 Febbraio 2018

Cobra Aggiornamento della Situazione 3 Febbraio. Di 2012Portal.

Disclosurenews

cobra-aggiornamento-della-situazione-3-febbraio-cover.jpg

Isis Astara, la mia amata anima gemella, ha lasciato il piano fisico. E’stata spesso brutalmente attaccata con armi ad energia diretta e l’attacco del 25 Gennaio è stato un attacco di troppo.

Non potevamo proteggerla, il suo cuore non poteva farcela.

La Resistenza non poteva intervenire direttamente altrimenti si sarebbero scatenate Bombe Toplet.

È transitata con successo attraverso il piano plasmatico ed è ora con le sue guide spirituali, circondata dall’Amore, felice di essere finalmente libera.

Dopo l’Evento, tornerà in un corpo clonato che avrà esattamente lo stesso aspetto del suo corpo fisico in questa vita.

Vivrà in un’area di Luce, ancorando le energie della Dea e vivendo una vita gioiosa nell’età dell’oro che ha sempre desiderato vivere.

Cobra Pegaso Isis Astara

Cobra Pegaso Isis Astara

Questo è stato un attacco diretto all’Amore e alla presenza femminile della Dea che ha una serie di implicazioni esopolitiche.

Fino ad ora, le Forze della Luce stavano usando un approccio lento e prudente alla Liberazione Planetaria per non provocare l’uccisione di troppi ostaggi da parte delle Forze Oscure (la popolazione di superficie). In una situazione di ostaggio, questa fase è chiamata fase di negoziazione (o fase di stallo)

Le situazioni con ostaggi hanno diverse fasi distinte

Fase iniziale

Questa fase è violenta e breve e dura il tempo necessario affinché gli ostaggi vengano catturati. La fine di questa fase è spesso contrassegnata dalla presentazione delle richieste di riscatto.

Fase di negoziazione

A questo punto, i funzionari delle forze dell’ordine sono sulla scena, e le richieste sono probabilmente state ricevute. Questa fase può durare ore, giorni o mesi e potrebbe anche essere indicata come “fase di stallo”. Fisicamente, nulla della situazione cambia iun modo significativo. Gli ostaggi e i rapitori restano allo stesso posto. Tuttavia, molto accade durante questa fase in termini di relazioni che si sviluppano tra tutte le persone coinvolte. Il lavoro del negoziatore si riduce a manipolare quelle relazioni in un modo che si risolvano in un finale pacifico.

Fase Terminale

Questa è la fase finale, solitamente breve, a volte violenta. Questa fase ha uno dei tre risultati: i rapitori si arrendono pacificamente e vengono arrestati. La polizia assalta i rapitori e li uccide o li arresta. Le richieste dei rapitori vengono concesse e scappano. Il destino degli ostaggi non dipende necessariamente da ciò che accade durante la fase di conclusione. Anche se i rapitori si arrendono, potrebbero aver ucciso degli ostaggi durante i negoziati. Spesso, gli ostaggi vengono uccisi accidentalmente dalla polizia o intenzionalmente dai loro rapitori durante un assalto. Ci sono stati persino casi in cui i rapitori hanno ricevuto le loro richieste, ma hanno comunque ucciso un ostaggio.

Durante la fase negoziale, non ci sono molti progressi evidenti e spesso ci sono molti ritardi, perché più i negoziati si protraggono, più è probabile che gli ostaggi sopravvivano incolumi.

Con l’uccisione di una persona chiave come Isis Astara, la liberazione degli ostaggi si è spostata nella fase terminale. Durante la fase di conclusione, c’è una rapida azione fisica per liberare gli ostaggi.

Il 27 Gennaio mattina, l’Alto Comando Galattico ha deciso di implementare la sua flotta nell’Orbita Media della Terra.

Orbita Terrestre Media

Un’orbita terrestre media (in lingua inglese Medium Earth Orbit o anche intermediate Circular Orbits, abbreviato ICO) o MEO è un’orbita attorno alla Terra di altitudine compresa tra le fasce di van Allen e l’orbita geostazionaria, ovvero tra i 2 000 ed i 35 786 km.

Cobra Aggiornamento della Situazione 3 Febbraio

Wikipedia

Comparison Satellite Navigation Orbits

Comparison Satellite Navigation Orbits

 

Questa informazione proviene da due fonti indipendenti, dai Pleiadiani e dalla Resistenza. Le fonti del Dragone hanno confermato questo fatto annunciando che “l’invasione ET è iniziata“.

L’orbita terrestre media è una zona curiosa tra l’orbita terrestre bassa e l’orbita terrestre alta che vede la presenza di pochissimi satelliti. L’unica eccezione sono i pochi satelliti nell’orbita Molniya (orbite altamente ellittiche), tra cui i satelliti per telecomunicazioni Russi e la classe Trumpet (una serie di satelliti da ricognizione ELINT lanciati dagli Stati Uniti negli anni ’90 per sostituire i satelliti Jumpseat) dei satelliti da ricognizione ELINT.

La ragione per cui l’orbita terrestre media è quasi vuota è perché la regione di altitudine tra 1000 miglia (1600 km) e 8000 miglia (12750 km) è la regione dove l’anello più interno della flotta Draco controllata da Chimera stava sorvegliando la quarantena della Terra dal suo arrivo nel 1996.

Questo anello difesa della flotta Draco è stato violato il 27 Gennaio a tarda sera dalla Flotta Galattica della Confederazione e la maggior parte delle forze Draco è stata eliminata nei giorni successivi.

Qui potete vedere le cloudships che nascondevano le navi madre della Confederazione che partecipavano a “operazioni speciali” il 28 Gennaio in operazioni chiave avvenute nella regione esopolitica nell’Europa centrale.

29 Gennaio Cloudship Stiria Austria

29 Gennaio Cloudship Stiria Austria

Cobra Aggiornamento della Situazione 3 Febbraio
28 Gennaio al Confine Austria Italia

28 Gennaio al Confine Austria Italia

 

La Confederazione Galattica eliminerà tutte le fazioni negative con capacità di viaggio spaziale, sia extraterrestre che segreta, che non accetteranno il Codice Galattico entro le prossime due settimane.

Quindi sistemeranno metodicamente e sistematicamente tutto sotto la superficie del pianeta e dopo di ciò, inizieranno le operazioni di superficie.

A causa della mutata situazione degli ostaggi, il piano originale per l’Evento è stato ampliato e ora è più robusto. I migliori pezzi dei Militari Positivi negli Stati Uniti, in Cina e in Russia sono stati contattati e hanno ricevuto istruzioni.

Fino ad ora c’erano troppe informazioni classificate sulle operazioni e gli eventi che circolavano su Internet.

La situazione degli ostaggi in superficie è semplicemente troppo delicata e da ora in poi ci sarà un completo silenzio radio (EMCON) sulle operazioni di superficie. Ci saranno molte speculazioni ma nessuna vera informazione sulle operazioni di superficie saranno rilasciate dalle forze della Luce.

L’unica cosa che posso dire, nuovamente, è che l’Evento includerà:

  • Rimozione della Cabala
  • Divulgazione completa e piena esposizione
  • Reset finanziario

Gli arresti di massa della Cabala possono, o potrebbero, non accadere. Sarete informati sulle operazioni e sugli accadimenti in tempo reale mentre accadono, attraverso i mass media.

Durante questo periodo critico della transizione planetaria, è della massima importanza connettersi con la presenza femminile della Dea e coltivare le qualità di Amore, Compassione e Tenerezza per stabilizzare la transizione e contrastare la crudeltà così diffusa sulla superficie del pianeta.

Un post dedicato sarà dedicato a questo.

 

La Dea vuole che sia Amore e Amore sarà.

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Il consigliere capo di Erdogan minaccia di “rompere le gambe” del premier greco

Il consigliere capo di Erdogan minaccia di “rompere le gambe” del premier greco

Il consulente più ascoltato di Erdogan minaccia di “rompere le gambe” al premier greco o a qualsiasi ministro che passi su Imia (isola greca di fronte alla Turchia)

 

Yigit Bulut, capo consigliere del presidente turco Erdogan, ha minacciato la Grecia per l’appunto sull’isolotto di Imia nell’Egeo orientale. 

“Atene affronterà l’ira della Turchia peggio di quella riversata su Afrin”, ha detto Bulut in uno spettacolo televisivo di una rete privata.

“Spezzeremo le braccia e le gambe ai funzionari, del primo ministro e di ogni ministro, che osa fare un passo sull’isolotto di Kardak / Imia nell’Egeo”, ha affermato.

Turkish president ‘s chief advisor Yigit Bulut threatens , says Athens will face the wrath of worse than offensive, vows to break arms & legs of officials, PM or any Minister, who dare to land on disputed Kardak/Imia islet in Aegean.

Sì, il video è in turco ma a chi importa tradurre 40 secondi completi di un discorso di delirio?

Come riporta  KeepTalkingGreece, le minacce di Bultu arrivano solo un paio di giorni dopo che il ministro della Difesa Panos Kammenos è salpato per Imia e ha gettato una corona di fiore in mare per commemorare e onorare i tre soldati greci caduti durante il conflitto di Imia nel 1996.

Ankara non perde l’occasione per sfidare la sovranità greca sugli isolotti e nelle isole del Mar Egeo, intensifica le tensioni intorno a Imia e rischia un brutto incidente che potrebbe portare i due paesi vicini all’orlo di un conflitto armato dopo due decenni.

Il capo consigliere del presidente turco Erdogan, Yigit Bulut, ha minacciato la Grecia sul disputato isolotto di Imia nel Mar Egeo orientale. “Atene affronterà l’ira della Turchia peggio di quella su Afrin”, ha detto Bulut in uno spettacolo televisivo di una rete privata. “Spezzeremo le braccia e le gambe dei funzionari, del primo ministro e di ogni ministro, che osa fare un passo sull’isolotto di Kardak / Imia nell’Egeo“, ha affermato.

Le minacce di Bulut arrivano solo un paio di giorni dopo che il ministro della Difesa Panos Kammenos salpò per Imia e gettò una corona in mare per onorare i tre soldati caduti durante il conflitto di Imia nel 1996.

Ankara non perde l’occasione di sfidare la sovranità della Grecia negli isolotti e nelle isole del Mar Egeo, intensificare le tensioni intorno a Imia e rischiare un brutto incidente che potrebbe portare i due paesi vicini all’orlo di un conflitto armato dopo due decenni.
Notare i baffi di Bulut tagliati a mezzaluna, nello stile dei peggiori nazionalisti e fascisti della Turchia, i Lupi grigi

 

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

L’inno di Mameli? Non è l’inno della Repubblica italiana, ma quello dei massoni

L’inno di Mameli? Non è l’inno della Repubblica italiana, ma quello dei massoni

 

 di Ignazio Coppola

 I Nuovi Vespri

Vi siete mai chiesti perché il nostro inno nazionale inizia con la parola “fratelli” ? E, su questo vi siete mai data una risposta? A tal proposito vale bene ricordare che l’inno di Mameli non è mai stato l’inno ufficiale della Repubblica italiana, bensì un inno ufficioso o, per meglio dire “precario” come, del resto, lo è la maggior parte di tutto ciò che avviene in questo nostro Paese. A ben vedere, per quanto infatti diremo, il “precario” e ufficioso inno di Mameli si può definire a buon diritto l’inno che la massoneria impose alle nascente Repubblica italiana nel lontano 1946 in sostituzione della “marcia reale” che aveva caratterizzato il precedente periodo monarco-fascista.

“Fratelli d’Italia, l’Italia s’è desta”: queste infatti sono le prime parole dell’inno di Mameli. Un inno, come si intuisce, di chiara connotazione massonica, musicato da Michele Novaro e scritto nell’autunno del 1847 dal “fratello” Goffredo Mameli (al quale, a riprova della sua appartenenza e devozione ai liberi muratori, sarà poi dedicata a futura memoria una loggia) che, non a caso e da buon “framassone”, lo fa iniziare con la sintomatica e significativa parola “Fratelli”.

Un inno scritto dal “fratello” Goffredo Mameli nel 1848 e riproposto un secolo dopo, il 12 ottobre 1946, da un altro “fratello”, il ministro delle guerra dell’allora governo De Gasperi, il repubblicano Cipriano Facchinetti, da sempre ai vertice della massoneria, con la carica di Primo sorvegliante nel Consiglio dell’Ordine del Grande Oriente d’Italia e affiliato alla loggia “Eugenio Chiesa”.

Fu in quella data dell’ottobre del 1946 che Facchinetti, quale ministro della guerra, impose che l’inno fosse suonato in occasione del giuramento delle Forze Armate. E da quel momento “Fratelli d’Italia” divenne, come lo è tuttora, l’inno ufficioso della Repubblica italiana. Ufficioso e provvisorio, perché mai istituzionalizzato con alcun decreto e ancor di più, perché non contemplato dalla nostra Carta costituzionale come lo è sancita, dall’articolo 12 della stessa Costituzione, l’istituzione del tricolore come bandiera nazionale.

Un inno che rimane, pertanto, per le cose dette, ancora ad oggi, privo di ogni ruolo e di ogni qualsivoglia definizione istituzionale. Da quanto argomentato si può altresì facilmente desumere che l’inno degli italiani fu un inno, nella sua lunga gestazione, fortemente voluto dai massoni che tanta parte, come abbiamo visto, ebbero e continuano, ancora oggi, ad avere nelle vicende che portarono alla mal digerita unità d’Italia.

Fu immediatamente dopo l’unità d’Italia che il Sud si “destò” e si accorse, sulla propria pelle e a proprie spese, di che pasta erano fatti i “fratelli” che erano venuti a “liberarlo”.

Non passò molto tempo, infatti, che siciliani e meridionali si resero conto che i garibaldo-italo-piemontesi non erano affatto i liberatori sperati, ma spietati conquistatori. E che di conquista e di colonizzazione, e non di liberazione del Sud e della Sicilia si trattò, ne è testimonianza quanto avvenne nella seduta parlamentare del 29 maggio 1861, a Palazzo Carignano, quando, ai deputati e ai giornali del Nord, che si ostinavano, avendone la piena convinzione, a sostenere di avere conquistato la Sicilia e il Mezzogiorno, si opponeva il siciliano on. Giuseppe Bruno deputato di Nicosia, il quale, in pieno Parlamento così si ergeva a protestare:

“Si è detto, in alcuni giornali e qui si è ripetuta l’espressione di province meridionali ‘conquistate’ e siccome questa è un’espressione offensiva, non solo, ma ingiusta, permettetemi che come testimonio oculare la respinga risolutamente. Ciò posto, prego gli onorevoli colleghi a non volere ripetere la frase di ‘conquista’ riguardo nostro e conto che dopo queste parole e le spiegazioni da me date sui fatti di Sicilia accetteranno essi senza offesa la mia protesta”.

 

I piemontesi della protesta dell’on Bruno non ne tennero alcun conto se, negli anni successivi, essendo ben convinti di essere conquistatori e non liberatori, perpetreranno nei confronti delle genti del Sud eccidi e massacri inenarrabili.

Del resto, che di conquista, a tutti gli effetti, si trattò ce ne dà ampia e documentata testimonianza anche Antonio Gramsci nel suo autorevole saggio sul Risorgimento. Con la spedizione dei Mille, infatti, ebbe inizio il lungo processo di conquista e di scientifica colonizzazione del Sud e della Sicilia e la “radunata rivoluzionaria”, come ebbe a definirla lo stesso Gramsci, fu resa possibile dal fatto che Garibaldi s’innestava nella forze statali piemontesi e che la flotta inglese protesse di fatto lo sbarco di Marsala e la presa di Palermo e sterilizzò la flotta borbonica.

Gramsci, di fatto, nella sua lucida analisi non faceva altro che evidenziare come la “gloriosa “ spedizione non fu altro che una grande mistificazione storica. E fu con questa radunata rivoluzionaria, che Gramsci chiama “rivoluzione passiva” o, meglio ancora, “rivoluzione-restaurazione”, che trionfò la logica gattopardiana che tutto avvenne perché nulla cambiasse. Anzi, per cambiare in peggio.

Una rivoluzione-restaurazione che fa dire allo scrittore e uomo politico sardo che, nel suo contesto, il popolo ebbe un ruolo molto marginale, anzi subalterno, così che il risorgimento si caratterizzò, con tutte le sue ineluttabili e deleterie conseguenze, come “conquista regia” e non come movimento popolare, perché appunto mancava al popolo una coscienza nazionale. E in questo vuoto di coscienza nazionale e nella estraneità del popolo al moto unitario fu così possibile ai moderati cavouriani dirigere il processo di unificazione, regolarlo ai propri fini e ai propri interessi, in chiave antimeridionale e a tutela degli interessi del Nord con la creazione di un nuovo Stato che di questi fini e di questi interessi ne fu portatore.

Con la “rivoluzione-restaurazione”, il Piemonte assume una funzione di “dominio” e non di dirigenza reale e democratica di un processo di rinnovamento che in effetti non ci fu. Si passò, nelle regioni meridionali, dall’assolutismo paternalistico borbonico al costituzionalismo repressivo piemontese.

“Dittatura senza egemonia”, opportunamente la definisce ancora Gramsci, che fece pagare al Sud – e alla Sicilia in particolare – sotto tutti i punti di vista, soprattutto in termini economici e repressivi, il prezzo più alto. Del resto, di recente anche di “risorgimento senza popolo”, sulla stessa lunghezza d’onda di Gramsci, parla nel suo interessante saggio Storia e politica Risorgimento- Fascismo e Comunismo il giornalista, scrittore e saggista Paolo Mieli, il quale nel capitolo dedicato al risorgimento, frutto di approfondite ricerche storiche (Ernesto Ragionieri, Gabriele Turi, Fulvio Camarrano, Giorgio Candeloro e altri) perviene alla conclusione di un risorgimento realizzato da una “ èlite”, in cui il popolo non fu per niente protagonista e, proprio perché èlite, riuscì a creare un’area di consenso popolare assai ristretta o quasi nulla.

“Dal 1861 – sostiene Mieli – dunque, il popolo, anziché essere una riserva di consenso, costituì un problema per le èlite che fecero l’Italia, con conseguenze drammatiche nella definizione dei modi di fare e di intendere la politica”.

Mieli, in premessa, prende in esame in particolare l’arco di tempo che va dalla fine del Settecento, all’inizio dell’Ottocento e dai movimenti popolari che li caratterizzarono (sanfedismo e insorgenze) sino all’Unità d’Italia. Arco di tempo in cui vennero poste le basi del risorgimento. Ebbene, saltano fuori alcuni “temi scomodi” delle nostra storia patria che la agiografia ufficiale e i testi scolastici hanno sempre occultato.

Ossia, a differenza di quanto avvenne nelle rivolte Sanfediste e delle Insorgenze, in cui il popolo fu protagonista attivo di quelle lotte e di quelle rivolte, nel risorgimento, al contrario, registriamo la quasi totale assenza di un consenso popolare e di partecipazione attiva alla sua realizzazione. Insomma che il popolo non fu mai un soggetto protagonista, ma in alcuni casi avverso alle lotte e agli ideali del risorgimento è acclarato da avvenimenti incontrovertibili e documentati per quanto diremo, in questo contesto, riferibili a Carlo Pisacane e a Ippolito Nievo.

Carlo Pisacane fortemente impregnato da una ideologia socialisteggiante e libertaria in cui collega l’idea d’indipendenza nazionale alle aspirazioni di riscatto sociale e politico delle masse contadine e per questo propugnatore di un “socialismo utopistico” e libertario, alla fine si troverà, nel giugno del 1857, appena sbarcato a Sapri, assalito e massacrato da quegli stessi contadini e popolani per cui voleva fare la sua personale rivoluzione. E proprio nel suo Saggio sulla rivoluzione, distinguendosi e prendendo le distanze da Garibaldi e dagli altri nei giudizi su casa Savoia, tra l’altro così scriveva:

”La dominazione della Casa Savoia e la dominazione della Casa d’Austria sono precisamente la stessa cosa” e poi ancora “che il regime costituzionale del Piemonte è più nocivo all’Italia di quello che lo sia la tirannia del Borbone”.

 

In seguito i fatti gli daranno ampiamente ragione. Un uomo giusto e di grandi ideali che si trovò a operare nel posto e in un contesto sbagliato. Appena sbarcato a Sapri, Pisacane e i suoi 300 compagni, buona parte ex detenuti fatti evadere dall’isola di Ponza, furono affrontati, circondati e massacrati, con circa un centinaio di morti, compreso Pisacane, non come era prevedibile dalle guardie regie, ma dai contadini e dalla stessa popolazione locale.

Dell’assenza del popolo nelle lotte risorgimentali e nella stessa spedizione dei Mille, dopo lo sbarco di Marsala avvenuto tra l’indifferenza generale della popolazione, ce ne dà altrettanta buona testimonianza quanto Ippolito Nievo scrive, il 24 giugno del 1860, alla cugina Bice con la quale intrattiene una intensa corrispondenza, a proposito della conquista di Palermo:

“Ti giuro Bice… dentro pareva una città di morti, non altra rivoluzione che, sul tardi, qualche scampanio. E noi soli, ottocento al più sparsi in uno spazio grande quanto Milano, occupati, senz’ordine e senza direzione, alla conquista di una città. Noi correvamo per vicoli e piazze in cerca dei napoletani per farli sloggiare e dei palermitani per far fare loro la rivoluzione. Riuscimmo mediocremente più nell’una che nell’altra cosa. In fin dei conti Palermo rimase nostra di noi soli come si direbbe a Milano”.

Anche qui, secondo quanto riportato da Nievo nella lettera alla cugina, il popolo, come in tanti altri avvenimenti e circostanze, brillò per la sua assenza. Ma ancor di più, immediatamente dopo l’unità d’Italia, un consenso e una partecipazione popolare attiva si ebbero addirittura, soprattutto, nel Mezzogiorno dalla parte opposta a quella del risorgimento che culminò in una sanguinosa guerra civile con le lotte contadine e di liberazione dall’invasione italo-piemontese, contrabbandata, da sempre dalla storiografia ufficiale, come lotta al brigantaggio.

Partigiani e contadini poveri che si batterono per la loro libertà, per le loro terre e per il loro diritto all’esistenza che fece dire, come poi scrisse testualmente Antonio Gramsci su Ordine Nuovo:

“Lo Stato italiano è stato una dittatura feroce che ha messo a ferro e a fuoco l’Italia meridionale e le isole, squartando, fucilando e seppellendo vivi i contadini poveri che scrittori salariati tentarono di infamare con il marchio di briganti”.

 

Questi dunque, anche a parere di Gramsci e di tanti altri scrittori e saggisti che di recente – come Mieli – si pongono l’obiettivo di una serena e imparziale revisione storica, in buona sostanza, i vizi d’origine e le cause di debolezza del nuovo stato italiano e di una mal digerita e mai metabolizzata Unità. Vizi d’origine e debolezze che meritano oggi, più che costose retoriche e trionfalistiche celebrazioni – come spesso è avvenuto nel passato – opportuni e doverosi, per rispetto della verità storica, momenti di riflessione.

Con la conquista del Sud inizia infatti il processo di scientifica rapina e di saccheggio dei beni e delle ricchezze del Mezzogiorno e della Sicilia e degli inenarrabili massacri a cui furono sottoposte le popolazioni dei territori “conquistati”.

 

 

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

I MILITARI RUSSI RACCOMANDANO AGLI STATI UNITI DI RIFORNIRE GLI EQUIPAGGI DEGLI AEREI CON MAPPE AGGIORNATE PER EVITARE INCONTRI SUL MAR NERO

I MILITARI RUSSI RACCOMANDANO AGLI STATI UNITI DI RIFORNIRE GLI EQUIPAGGI DEGLI AEREI CON MAPPE AGGIORNATE PER EVITARE INCONTRI SUL MAR NERO

South Front

Sa Defenza

I militari russi raccomandano agli Stati Uniti di rifornire gli equipaggi degli aerei con mappe aggiornate per evitare incontri sul Mar Nero

L’esercito russo ha consigliato agli Stati Uniti di fornire “a tutti gli equipaggi mappe aggiornate che mostrino i confini corretti dello spazio aereo della Russia” al fine di evitare incontri sul Mar Nero e sui confini russi in generale.

Il commento ha seguito le recenti notizie di un’intercettazione dell’aereo di sorveglianza elettronica EP-3 degli Stati Uniti da parte di un jet Sukhoi Su-27 nelle acque internazionali del Mar Nero nei pressi della Crimea il 29 gennaio.

La Forza Aerospaziale continuerà a mantenere l’affidabile protezione dello spazio aereo russo. Se i piloti americani, consapevoli di questo fatto, cadono in depressione o soccombono a qualsiasi fobia, consigliamo agli Stati Uniti di escludere queste rotte di volo vicino ai confini della Russia in futuro, o di tornare al tavolo dei negoziati e concordare le loro regole “, ha detto il ministero . “Vorremmo rivolgerci al comandante della 67a Task Force della sesta flotta Bill Ellis  un promemoria che la Crimea è parte integrante della Russia“.

Inoltre, vorremmo richiamare l’attenzione sul fatto che servono gli aerei da caccia della Russia solo pochi minuti per intercettare “i bersagli aerei che si avvicinano al confine di stato con i transponder spenti. Per questo motivo tutte le azioni dell’aereo russo Sukhoi-27, che per più di due ore e venti minuti hanno impedito all’aereo di sorveglianza elettronica statunitense EP-3E di avvicinarsi allo spazio aereo russo vicino alla Crimea, dovrebbe essere correttamente chiamatoscorta“,” ha aggiunto il ministero .

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

ERDOGAN AVVISA: LA TURCHIA NON PERMETTERÀ AL GOVERNO DI ASSAD DI RIPRENDERE IL CONTROLLO SU AFRIN

ERDOGAN AVVISA: LA TURCHIA NON PERMETTERÀ AL GOVERNO DI ASSAD DI RIPRENDERE IL CONTROLLO SU AFRIN

SouthFront

1-252.jpg

Forze armate turche coinvolte nell’operazione

La Turchia non consegnerà la zona siriana di Afrin al governo di Damasco se sarà in grado di catturarla, secondo Ilnur Cevik, un alto consigliere diplomatico del presidente della Turchia Recep Tayyip Erdogan.

Il 20 gennaio, le forze armate turche e l’esercito siriano libero appoggiato dalla Turchia hanno lanciato un’operazione militare [soprannominata Operation Olive Branch] per catturare quest’area dalle forze kurde, principalmente le Unità di protezione popolare (YPG). L’YPG è un nucleo delle forze democratiche siriane sostenute dagli Stati Uniti. Ankara descrive il YPG come una branca del Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK) coinvolto in una lunga insurrezione contro il governo Turco

“Con la campagna Afrin” Operation Olive Branch “, la Turchia sta rovinando il gioco di Assad, del PKK e anche degli americani. La Turchia mira a eliminare il PKK dalla Siria e restituire le terre ai legittimi proprietari, gli arabi, i turkmeni e i curdi.

Quindi quelli che pensano che Assad dovrebbe riprendere il controllo su Afrin e tutte le aree di confine in tutta la Turchia dovrebbero pensarci due volte perché questo non risolverà mai l’interesse vitale della sicurezza del nostro paese “, ha scritto Cevik nel suo articolo intitolato” Gli Assad odiano i curdi, amano il PKK ” 29 gennaio

L’articolo di Cevik riflette la retorica pubblica delle autorità turche sul conflitto in Siria. Mentre Ankara si specializza per i formati di Astana e Sochi sostenuti da Teheran e Mosca, secondo ripetute dichiarazioni di alti funzionari turchi, non cesserà i suoi piani di espandere il più possibile la sua influenza in Siria.

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Stampa tedesca: “cavie umane per i test dei gas di scarico delle auto”

113457581-e217786a-bac2-4acc-addb-514999107d30.jpg

Stampa tedesca: “Cavie umane per i test dei gas di scarico delle auto”

 

Secondo Sueddeutsche Zeitung e Stuttgarter Zeitung sono coinvolte #Volkswagen#Daimler e #Bmw. Le ultime due aziende hanno già smentito

di VINCENZO BORGOMEO

29 gennaio 2018

Nuovo colpo di scena sui test-tortura su scimmie con gas di scarico delle auto dei colossi tedeschi: secondo Sueddeutsche Zeitung e Stuttgarter Zeitung, queste emissioni non sono state provate solo su scimmie, ma anche su cavie umane.

I due colossi dell’informazione tedesca rivelano nuovi particolari sui test di cui sono coinvolte i principali gruppi tedeschi, ossia Vw, Daimler e Bmw: volontari usati per le stesse prove di respirazione. Ossia quattro ore di esposizione ad aria inquinata da gas di scarico.

L’ipotesi – secondo il dossier del New York Times che ha aperto il caso – era già stata ventilata: gli scienziati del del laboratorio della “Lovelace Respiratory Research Institute”, in New Mexico, oltre ad aver usato dieci scimmie giavanesi avrebbero discusso con gli ingegneri tedeschi dell’eventualità di fare test con cavie umane, ovviamente volontarie. Sembra che dovette intervenire lo stesso direttore generale della fondazione, Michael Spalleck, per bocciare la folle idea. Fino ad oggi semvrava che questi test su cavie umane non fossero mai stai eseguite. Invece…

Daimler però prende le distanze da questo nuovo caso. Secondo i media, la Società di Ricerca europea per l’Ambiente e la Salute nei Trasporti, fondata dai 3 colossi dell’auto, ha promosso “un breve studio di inalazione con ossido d’azoto su persone sane”.

Netta anche la presa di posizione anche di Bmw Group: “Non conduciamo studi su animali e non abbiamo preso parte a questa sperimentazione. Per questo motivo non siamo in grado di dare informazioni sul tema in oggetto o commentarlo”.

#germania ##auto #cavieumane #sadefenza
http://www.repubblica.it/…/test_gas_scarico_su_cavie_uman…/…

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Stargate Sole Centrale Jared Rand. Di Interstellar

Stargate Sole Centrale Jared Rand. Di Interstellar.

stargate-sole-centrale-jared-rand.jpgFonte The Real Truth Callhttps://www.disclosurenews.it/

Stargate

C’è uno Stargate qui che si può utilizzare per viaggiare in ogni luogo nella galassia?

Assolutamente. Assolutamente.

Alcuni sono stati distrutti e non funzionano più, ma altri sono pienamente funzionanti.

In effetti il nostro sole, e questo è molto anomalo, nel nostro sistema solare il nostro Sole è uno Stargate in cui saltano diverse civiltà per entrare nel nostro sistema solare: è un portale, un cancello stellare, non tutti i soli lo fanno, ma il nostro è così…

Quasi tutti i film di Stargate, quelli con Kurt Russel, la maggior parte sono veri, i militari entrano in questi portali e ci viaggiano attraverso e quindi quasi tutta la serie di Stargate si basa sulla realtà.

Molte persone si sentono molto attratte dalla fantascienza e alcuni li chiamano stupidi o visionari, ma io non sono d’accordo.

La ragione per cui molte persone adorano i film di fantascienza è perché quelle cose le conoscono già, le tecnologie avanzate sono molto familiari per loro perché le hanno conosciute nelle loro vite passate e probabilmente hanno usato anche gli Stargate.

Non solo abbiamo Stargate, abbiamo anche wormhole, e i portali sul sole che portano ad altre galassie…

Potete chiamarlo letteralmente “pianeta prigione” perché gli esseri umani sono stati mantenuti nel buio totale per lunghissimo tempo…

Quando vediamo che migliaia di specie ET viaggiano nel nostro sistema solare a base quotidiana… beh… hanno davvero tenuto in segreto un sacco di cose…

Sarà un momento magnifico quanto potremo incontrarli e interagire con loro… la maggior parte di loro è benevola, non sono esseri perversi o distruttivi, non ne hanno bisogno, la loro tecnologia molto avanzata li ha portati a un livello della loro esistenza e della loro evoluzione che per loro è assurdo farsi la guerra, combattersi, bombardarsi a vicenda, semplicemente non lo fanno più perché conoscono le conseguenze.

C’è una piccola porzione di loro che sono violenti e molto territoriali e distruttivi, questi sono i Draco, non tutti, solo alcuni Draco sono molto pericolosi, io li chiamo “brutti, sporchi e cattivi” come nel film di Sergio Leone con Clint Eastwood.

Ci sono stati molti film che hanno esposto la verità come Star Trek e Star Wars in cui abbiamo già visto tutte queste razze diverse, ma non avendo mai potuto interagire con loro non sappiamo proprio come comportarci.

Siamo come dei bambini in un bosco qui sulla terra, non abbiamo alcuna esperienza con altre forme di vita intelligenti, ma le avremo… perché siamo degli esseri molto potenti… ma siamo stati tenuti all’oscuro di tutto e in catene… siamo un po’ come bambini col pannolino…

Flash dal Sole Centrale

Abbiamo parlato del Sole Centrale e delle onde di energia che stanno arrivando, abbiamo parlato della natura di queste onde, abbiamo detto che queste energie colpiranno tutti e influenzeranno ognuno di noi.

Le onde saranno mitigate, l’onda principale sarà mitigata in modo che la razza umana possa gestirla e possa sopportarla senza effetti negativi, e sarà qui prima della fine dell’anno… quest’onda sarà qui.

Abbiamo parlato dei cambiamenti della terra e ho detto che nessuno deve impaurirsi… l’ho detto per rendere tutti consapevoli.

Tutti possono trovare in Internet un sacco di altre informazioni per proprio conto, per prepararsi e per comprendere ogni cosa,  e ora c’è una cosa che vorrei fare… vorrei che le persone si mobilitassero in certe cose di cui ho parlato in modo da poterle sfruttare al meglio.

Sono tutti in rampa di lancio e così diranno: sai cosa…vado a controllare questa cosa per conto mio, voglio fare questo e farò quest’altro e farò anche questo…

Scoprirete che tante cose di cui ho parlato le avete già sentite in altri modi differenti o forme differenti nel corso degli anni, alcuni di voi fanno queste ricerche da tanto tempo e alcune di queste cose le avete sentite in un seminario, a una conferenza, a un incontro di gruppo o in qualche altro posto.

Ma l’intento qui è… stiamo per eliminare il denaro dal pianeta terra, adesso.

Tutti voi sapete questo, ma no… non sarà fatto in 8 mesi… due, tre, quattro anni, ma alla fine ce la faremo.

Si tratta di radunare quante più persone possibile in modo che possano uscire e cominciare ad aiutare diversi gruppi di persone e riunire tutti questi gruppi, perchè l’unità è il vero potere della razza umana.

Tutti noi sappiamo che sarà un impresa molto difficile a causa di tutti i diversi sistemi di credenza, tutti quei meccanismi diversi e tutte le diverse strutture sociali e culturali su questo pianeta.

Avremo tempi molto difficili nel cercare di riunificare la razza umana come una sola civiltà ed è proprio su questo che stiamo lavorando,  stiamo cercando di riumanizzare la condizione umana, che significa mettere insieme le persone sul cammino della vita in modo da poter collaborare senza egoismi.

Una volta che il denaro sarà sparito, senza nessun sistema monetario, cominceremo a pensare nella modalità no-profit, cominceremo a pensare di non essere più interessati al profitto, saremo invece interessati a cercare i fondi per i progetti, e allora potremo lanciare tutte queste iniziative e se ci vorranno dieci anni per completare tutti i progetti… ci vorranno dieci anni, se è continuativo, allora potrà andare avanti.

La chiave è mettere la ricchezza del pianeta nelle mani dei più responsabili per la sua distribuzione, e questo significa che molte di queste…. molte delle persone che stanno ascoltando sono gli amministratori della ricchezza del pianeta terra…

Siete letteralmente degli amministratori, perché l’enorme ammontare di ricchezza… davvero, non ci sono altre parole per descriverla…

 

Pubblicato in Uncategorized | 1 commento

 Chiamata All’Azione White Hats Report

Di whitehatsreport.com.

Negli anni abbiamo avuto lettori e sostenitori che ci chiedono come possono essere coinvolti.

A quel tempo, il clima politico non era giusto per coinvolgere le persone in questioni tali da farle solo mettere su una lista e il futuro era troppo incerto.

Abbiamo comunque sollecitato il coinvolgimento del pubblico quando abbiamo rivelato nel White Hats Report # 38 che “Davidson Kempner Capital Management LLC, un gestore di fondi multi-strategico di New York, ha appena lanciato un nuovo fondo con il cospiratore criminale Michael Herzog come Portfolio Manager”.

Abbiamo chiesto ai nostri lettori di contattare l’ufficio di Davidson Kempner a New York con domande e obiezioni a questa operazione oltre a fornire informazioni per contattare l’Ufficio degli informatori della SEC.

La risposta dei nostri lettori è stata travolgente.

Vi siete tutti uniti all’azione e poco dopo, il ladro portaborse della famiglia criminale dei Bush, Michael Herzog, è stato arrestato in Germania.

Certo che la Merkel non permetterà che sia estradato negli Stati Uniti per non deludere i suoi maestri burattinai e fornire una prova sconvolgente della frode finanziaria globale su larga scala.

La nostra prossima serie di rapporti, la tempesta dei White Hats, solleciterà nuovamente l’assistenza dei lettori e sostenitori di tutto il mondo.

Forniremo prove di frodi, furti e inganni su una scala così grande che è quasi al di là di ogni comprensione.

L’esposizione del governo ombra Deep State / Cabala è iniziata l’8 novembre 2016 ed è continuata senza sosta fino ad oggi e si è rafforzata sia nell’intensità che nel volume negli ultimi mesi.

Presto, vedremo l’infame memo FISA che esporrà lo stato criminale e incostituzionale di sorveglianza che ha contagiato il mondo.

Il rapporto dell’IG che circola esporrà ulteriormente i minions nell’FBI, nella CIA e nel DOJ che sono semplicemente i seguaci, i guardiani… le api operaie che vengono compromesse e ricattate per fare interferenze con i loro Maestri della Cabala.

La frode, la corruzione, il furto e l’omicidio non possono essere coperti a meno che le forze dell’ordine non ne siano complici.

Questo sarà tutto rivelato nelle tempeste imminenti.

autunno-di-tempesta.jpg

 

I White Hats stanno generando la loro tempesta, una tempesta che sta per colpire i livelli superiori della Cabala: i mercanti del denaro.

Il denaro creato e controllato attraverso i programmi di trading è il modo in cui la Cabala ricatta, finanzia e paga i suoi agenti di livello inferiore.

Ruba i fondi per il programma spaziale segreto, i progetti neri, i profitti politici e i ricatti, mentre il mondo è molto diverso da questo.

Esporremo i criminali bancari per quello che sono e recupereremo i fondi rubati e cancelleremo il debito mondiale in un batter d’occhio.

Hanno sequestrato i fondi fuori bilancio per troppo tempo ed è ora che siano fermati, arrestati e messi in prigione.

Chiediamo a tutti i nostri lettori di formulare un piano di battaglia utilizzando i loro account di social media, amici, contatti e famiglia per rilasciare le informazioni che stiamo per pubblicare nelle prossime settimane su Internet.

Dovrebbero essere rilasciati elenchi di e-mail di media, rappresentanti e associati.

Account di Twitter e Facebook sono stati predisposti per diffondere i link dei rapporti che verranno pubblicati senza sosta nelle prossime settimane.

E, cosa più importante, i vostri rappresentanti al Congresso, Christopher Wray dell’FBI, Jeff Sessions del DOJ e l’ammiraglio Mike Rogers della NSA, hanno bisogno di essere sommersi da una tempesta di e-mail con richieste di azione da intraprendere contro i ladri della Federal Reserve.

Il tempismo è tutto.

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Omicidi Cia indotti per infarto e cancro

Omicidi Cia indotti per infarto e cancro

Un articolo pubblicato da Veterans Today un anno e mezzo fa, acquista un nuovo significato dopo la dipartita di Chavez…
cia_dart.jpg
Nel 1975, durante le audizioni del Comitato Church, venne alla luce l’esistenza di un’arma per assassini occulti. La CIA aveva sviluppato un veleno che uccideva la vittima con un infarto immediato. Questo veleno poteva essere congelato sotto forma di dardo e poi sparato da una pistola. La pistola era in grado di sparare il proiettile di ghiaccio a una velocità tale che il dardo avrebbe attraversato i vestiti del bersaglio e lasciato solo un piccolo segno rosso.
Una volta nel corpo, il veleno si scioglieva e veniva assorbito nel sangue causando l’infarto! Il veleno fu sviluppato per non essere rilevabile dalle autopsie moderne.
 
Si può indurre il cancro in una persona? Se il cancro negli animali può essere causato iniettandogli virus e batteri, sarebbe certamente possibile fare lo stesso con gli esseri umani! Nel 1931, Cornelius Rhoads, un patologo del Rockefeller Institute for Medical Research, infettò volutamente delle cavie umane a Puerto Rico con cellule tumorali, 13 di loro morirono. Anche se un dottore portoricano scoprì in seguito che Rhoads aveva volutamente coperto alcuni dei dettagli del suo esperimento e Rhoads rese una testimonianza scritta attestante che credeva che tutti i portoricani dovessero essere uccisi, in seguito lavorò agli impianti di guerra biologica dell’esercito degli Stati Uniti di Fort Detrick in Maryland (all’origine del virus dell’HIV/AIDS, del virus dell’influenza aviaria e del virus dell’influenza suina/A-H1N1), Utah e Panama, e venne nominato all’US Atomic Energy Commission, dove iniziò una serie di esperimenti sull’esposizi one alle radiazioni di soldati e pazienti civili statunitensi. La risposta alla domanda, si può indurre il cancro su una persona, è sì.
 
Dopo quasi 80 anni di ricerche e sviluppi, ora c’è un modo per simulare un infarto vero e proprio e suscitare il cancro in una persona sana. Entrambi sono stati utilizzati come mezzi di assassinio. Solo un patologo molto esperto, che sappia esattamente cosa cercare nell’autopsia, è in grado di distinguere un assassinio per infarto o cancro indotto. La morte per attacco cardiaco, aneurisma, emorragia cerebrale è dovuta a “causa naturale”? No, se le agenzie governative hanno trovato un modo per influenzare la frequenza cardiaca, la pressione sanguigna o la dilatazione vascolare. La ricerca neurologica ha scoperto che il cervello ha frequenze specifiche per ogni movimento volontario chiamato ‘set di preparazione’. Sparando al petto un fascio di microonde con frequenze ELF emesse dal cuore, questo organo può essere soggetto a uno stato caotico, il cosiddetto infarto. In questo modo, i leader dei partiti politici che sono inclini ad attacchi di cuore, possono essere uccisi prima che possano causare problemi.
Jack Ruby morì di cancro poche settimane dopo che la sua condanna per omicidio era stata annullata in corte d’appello e gli venisse ordinato di affrontare un processo fuori da Dallas, consentendogli così di parlare liberamente, se lo voleva. Ci fu poca esitazione in Jack Ruby nell’uccidere Lee Harvey Oswald, per impedirgli di parlare, quindi non c’è motivo di sospettare che ci sarebbe stata maggiore considerazione se Jack Ruby avesse rappresentato una minaccia per le persone del governo degli Stati Uniti che avevano cospirato per uccidere il Presidente degli Stati Uniti d’America John F Kennedy.
 
 
Matt Simmons, esperto petrolifero, venne assassinato per essere diventato uno spifferatore sull’insabbiamento dall’amministrazione Obama del disastro della BP nel Golf del Messico. Il banchiere Matt Simmons, morto improvvisamente, era un insider dell’industria energetica e consigliere del presidente, il cui profilo salì quando scrisse che l’Arabia Saudita era a corto di petrolio e che il mondo aveva raggiunto il picco (petrolifero). Simmons, 67 anni, era morto nella sua casa estiva nel Maine. L’autopsia del medico legale dello Stato concluse che era morto per annegamento accidentale “con la malattia al cuore come fattore indicente.” Il suo best-seller del 2005,Twilight in the Desert: The Coming Saudi Oil Shock and the World Economy, lo rese assai noto al pubblico. Il libro sostiene che l’Arabia Saudita ha enormemente sopravvalutato le dimensioni delle sue riserve di petrolio, e che il mondo era sull’orlo di una grave penuria di petrolio, mentre i giacimenti di petrolio si esauriscono. Questa rivelazione è sostenuta dall’Iran. L’Iran sa che il petrolio del Medio Oriente sta rapidamente esaurendosi e per questo motivo si concentra sulla costruzione di reattori nucleari. Una volta che il petrolio si esaurirà l’Iran sarà l’unico Paese del Medio Oriente energeticamente autosufficiente. Tutti gli altri Paesi del Medio Oriente, tra cui l’Arabia Saudita, diventeranno Stati del Terzo Mondo impoveriti
 
 
 
Anche l’ex presidente jugoslavo Slobodan Milosevic è stato assassinato. Fu trovato morto nel centro di detenzione del Tribunale dell’Aja. Milosevic affrontava accuse di crimini di guerra e crimini contro l’umanità per il suo presunto ruolo centrale nelle guerre in Bosnia, Croazia e Kosovo durante gli anni ’90. Fu anche accusato di genocidio nella guerra di Bosnia del 1992-1995, in cui morirono 100.000 persone. Milosevic scrisse una lettera il giorno prima della morte sostenendo di essere stato avvelenato in prigione. L’autopsia verificò la sua affermazione dimostrando che il corpo di Milosevic conteneva un farmaco che rendeva inefficaci il suo farmaco per la pressione alta e le condizioni del cuore, provocando l’infarto che l’ha ucciso. L’ex agente dell’MI6 Richard Tomlinson ha detto ai giornalisti di aver visto i documenti, del 1992, che discutevano dell’assassinio di Milosevic per mezzo di un incidente d’auto, in cui il conducente sarebbe stato accecato da un lampo di luce e un telecomando che avrebbe messo fuori controllo i freni, causando un incidente. Questa stessa tecnica è stata utilizzata realmente per l’omicidio della principessa Diana.
 
Se Milosevic è stato assassinato, in ultima analisi chi è il responsabile? La NATO. Perché la NATO? Perché anche se l’ICTY (o ‘Tribunale dell’Aja’) si presenta al mondo come organismo delle Nazioni Unite, i funzionari della NATO hanno chiarito al pubblico che appartiene in realtà alla NATO. La NATO ha nominato i pubblici ministeri e i giudici che esclusero di analizzare eventuali accuse di crimini di guerra contro la NATO. Ne consegue che Slobodan Milosevic, che era un prigioniero del carcere di Scheveningen del Tribunale dell’Aja quando è morto, era prigioniero della NATO. La NATO aveva sia il movente che l’opportunità per ucciderlo. Nel marzo 2002, Milosevic presentò al tribunale dell’Aja, controllato dalla NATO, dei documenti dell’FBI che dimostravano che sia il governo degli Stati Uniti che la NATO avevano fornito sostegno finanziario e militare ad al-Qaida per aiutare il Kosovo Liberation Army nella sua guerra contro la Serbia. Q uesto non andò giù al Pentagono e alla Casa Bianca, che all’epoca stavano cercando di vendere la guerra al terrore e si preparavano a giustificare l’invasione dell’Iraq.
 
Durante il processo a Milosevic per crimini di guerra, la NATO ha affermato che i serbi avevano commesso un massacro di civili albanesi nella città del Kosovo di Racak. Le prove presentate in tribunale dimostrarono che la pretesa della NATO era una bufala. Questo era particolarmente imbarazzante, perché la denuncia del massacro di Racak fu la scusa che la NATO utilizzò per iniziare a bombardare i serbi, il 24 marzo 1999 (il bombardamento a tappeto effettuato dall’US Air Force, autorizzato dall’allora presidente Bill e da Hillary Clinton). Poi la NATO sostenne che i serbi avrebbero presumibilmente ucciso 100.000 civili albanesi. Tuttavia, gli stessi scienziati della NATO dissero che non riuscivano a trovare nemmeno il corpo di un civile albanese ucciso dalle forze di Milosevic. L’incapacità di trovare eventuali corpi, alla fine, portò alla pretesa assurda della NATO che i serbi avevano presumibilmente coperto il genocidio spostando migliaia di corpi, su dei camion congelatori, in Serbia (mentre Bill Clinton bombardava a tappeto il luogo) senza lasciare alcuna traccia. Ma il Tribunale dell’Aja dimostrò che anche queste accuse erano del tutto fraudolente.
Milosevic fece diversi discorsi in cui disse come un gruppo ombra internazionalista avesse provocato il caos nei Balcani perché era il passo successivo sulla strada del “nuovo ordine mondiale”. Durante un discorso del febbraio 2000 al Congresso serbo, Milosevic dichiarò: La “Piccola Serbia e il suo popolo hanno dimostrato che la resistenza è possibile. Applicata a un livello più ampio, in primo luogo organizzandola come ribellione morale e politica contro la tirannia, l’egemonia, il monopolio che generano odio, paura, nuove violenze e vendette contro i campioni della libertà delle nazioni e dei popoli, una tale resistenza potrebbe fermare l’escalation dell’inquisizione moderna. Bombe all’uranio, manipolazioni informatiche, giovani assassini tossicodipendenti e teppisti nazionali corrotti e ricattati, promossi ad alleati del nuovo ordine mondiale, questi sono gli strumenti dell’inquisizione che hanno superato, in crudeltà e cinismo, tutte le forme pre cedenti di violenze vendicative commesse contro l’umanità, in passato.
Le prove che collegavano Milosevic ai genocidi come a Srebrenica, in cui morirono 7.000 musulmani, si sono dimostrate fraudolente. In realtà, Srebrenica era una ‘zona di sicurezza delle Nazioni Unite’, ma proprio come in Ruanda, i caschi blu si ritirarono deliberatamente e permisero il massacro, accusò allora Milosevic. L’esposizione di Milosevic del coinvolgimento delle Nazioni Unite nel massacro di Srebrenica fu un altro motivo per cui le trascrizioni del tribunale sono state pesantemente modificate e censurate dalla NATO, e un altro fattore che spinse la NATO ad assassinarlo mentre era sotto la sua custodia. Il tribunale dell’Aja della NATO è chiaramente un tribunale illegale il cui unico scopo è convincere la gente comune, in tutto il mondo, che la distruzione a opera della NATO della Jugoslavia era giustificata. Dal momento che la NATO non l’ha dimostrato al proprio tribunale (per la totale assenza di prove che lo rendeva difficile), vi era infatti un poten te motivo della NATO per uccidere Milosevic, evitare la sua assoluzione. In questo modo, la NATO può continuare a sostenere che Milosevic fosse colpevole, e nessuno avrebbe iniziato ad esaminare la montagna di prove che dimostra che furono i leader della NATO (in particolare il presidente degli Stati Uniti Bill Clinton) che commisero crimini di guerra, crimini contro l’umanità e genocidio in Jugoslavia.
Così tante persone sono state fatte colpite dal cancro in un momento opportuno nella storia, quando giunse il momento di porre la domanda “chi è l’assassino che uccide tramite l’induzione di cancro o di infarti“? Chi ha ordinato gli omicidi e perché? Charles Senseney, uno sviluppatore di armi della CIA a Fort Detrick, nel Maryland, testimoniò al comitato sull’intelligence del Senato, nel settembre 1975, descrivendo la pistola-ombrello che sparava un dardo velenoso che aveva ideato. Disse che è stato sempre utilizzato tra la folla con ombrelli aperti, sparando tra la folla in modo che non avrebbe attirato l’attenzione. Dato che era silenziato, nessuno tra la folla avrebbe sentito e l’assassino avrebbe semplicemente piegato l’ombrello e andato via con la folla. Le riprese video dell’assassinio di John F. Kennedy mostrano la pistola ombrello usata sulla Dealey Plaza. Prove video degli eventi del 22 novembre 1963 mostrano che il primo colpo s parato, in quel giorno fatidico, sembra avesse avuto un effetto paralizzante su Kennedy. I suoi pugni si erano stretti e la testa, le spalle e le braccia sembrarono irrigidirsi. L’autopsia ha rivelato che c’era una piccola ferita d’ingresso nel collo, ma senza evidenza del passaggio di un proiettile nel collo e nessun proiettile corrispondente a quelle piccole dimensioni è stato mai recuperato.
Charles Senseney testimoniò che la sua Divisione Operazioni Speciali di Fort Detrick aveva ricevuto incarichi dalla CIA per sviluppare armi esotiche. Una delle armi era una pistola per dardi che poteva sparare un dardo velenoso a un cane da guardia, mettendolo fuori servizio per diverse ore. Il dardo e il veleno non lasciavano traccia, in modo che l’esame non avrebbe rivelato che i cani erano stati messi fuori combattimento. La CIA ordinò circa 50 di queste armi e li usò operativamente. Senseney ha detto che i dardi avrebbero potuto essere utilizzati per uccidere esseri umani e non poteva escludere la possibilità che questo sia stato fatto dalla CIA.
Un particolare tipo di veleno sviluppato della CIA induce infarto e non lascia traccia di una qualsiasi influenza esterna, a meno che l’autopsia sia condotta per verificare la presenza di questo veleno particolare. La CIA rivelò questo veleno in diversi resoconti nei primi anni ’70. La CIA rivelò anche l’arma che sparava i dardi che inducono infarto, nel corso di un’audizione al Congresso. Il dardo di questa arma segreta della CIA era in grado di penetrare l’abbigliamento senza lasciare traccia, ma solo un puntino rosso sulla pelle. Alla penetrazione del dardo mortale, l’individuo bersagliato può sentire come un morso di una zanzara, o non sentire nulla. Il dardo velenoso si disintegra completamente entrando nel bersaglio. Il veleno letale poi entra rapidamente nel flusso sanguigno causando l’infarto. Una volta che il danno è fatto, il veleno sparisce rapidamente, in modo che all’autopsia sia improbabile rilevare che l’infarto sia stato causato da qualco sa di diverso dalle cause naturali. Un ex agente della CIA aveva rivelato che i dardi erano fatti con veleno liquido congelato. Rivelò che il dardo si scioglieva nel bersaglio e lasciava solo un minuscolo puntino rosso d’ingresso, lo stesso tipo di piccola ferita d’ingresso trovata durante l’autopsia di John F. Kennedy.
Da oltre 50 anni gli omicidi sono stati eseguiti in modo abile, lasciando l’impressione che le vittime siano morte per cause naturali. Dettagli di alcune delle tecniche utilizzate per raggiungere questo obiettivo furono portati alla luce nel 1961, quando l’assassino professionista del KGB Bogdan Stashinskii disertò in occidente rivelando di aver effettuato con successo due missioni del genere. Nel 1957 uccise lo scrittore ucraino Lev Rebet a Monaco di Baviera, con una pistola che vaporizzava veleno, lasciando che la vittima morisse di un apparente infarto. Nel 1959, lo stesso tipo di arma fu utilizzato contro il leader ucraino Stepan Bandera, anche se la morte di Bandera non fu mai completamente accettata come dovuta a cause naturali.
Tra testimoni, persone importanti e cospiratori che avrebbero potuto essere eliminati da un attacco cardiaco e cancro indotto vi sono: Jack Ruby (morto da un infarto causato da una forma non diagnosticata di cancro aggressivo, poche settimane dopo aver accettato di testimoniare davanti al Congresso sull’assassinio di JFK ), Clay Shaw, J. Edgar Hoover, Earlene Roberts (affittuaria di Oswald), Marlyn Monroe, Slobodan Milosevic, Kenneth Lay (ex-amministratore delegato della Enron, il più grande finanziatore della campagna politica di Gorge W. Bush e Dick Cheney), Matt Simmons, Mark Pittman (giornalista che predisse la crisi finanziaria ed espose le malefatte della Federal Reserve. Pittman combatté per mettere la Federal Reserve sotto maggiore controllo), Elizabeth Edwards (le venne all’improvviso diagnosticato un cancro, mentre il marito era in campagna contro Barack Obama e Hillary Clinton per la presidenza della gli Stati Uniti. Nel corso di un discorso elettorale al Council on Foreign Relations, nel maggio 2007, Edwards definì la guerra al terrorismo uno slogan creato per ragioni politiche e che non era un piano volto alla sicurezza degli Stati Uniti. Si spinse oltre confrontandolo a un semplice adesivo che avrebbe danneggiato le alleanze statunitensi, mettendogli contro tutto il mondo).
… Inserire qui i nomi di ogni persona politicamente schietta, testimone o rivelatore morto improvvisamente per attacco cardiaco o rapidamente morto per un cancro incurabile.
Traduzione di #AlessandroLattanzio – SitoAurora
Vedi anche il nostro articolo su Sa Defenza sulla morte di Chavez

Identificata l’arma che ha ucciso, cellula dopo cellula, il comandante Chavez

Se brevemente accennato: con questo, come, quando, perché, a confronto di cosa; L’assassinio dell’ex Presidente Costituzionale della Repubblica Bolivariana del Venezuela Hugo Rafael Chavez Frias(Comandante Chavez) serve a cancellare la Rivoluzione Bolivariana dal mondo. Le risposte a queste domande sono state ottenute con una lunga, documentata, ricerca.

Qui di seguito esponiamo cosa e chi ha agito.

A causa delle caratteristiche, del delitto, era sconosciuto, non potevano controllare con un autopsia se il cancro atipico, che ha causato la sua morte, fosse stato indotto. Quindi ci si rivolge alla ricerca per indagine documentale al fine di trovare la verità sulla morte di Comandante Chavez, utilizzando un metodo scientifico, che permette una conclusione affidabile al cento per cento, sostenuta dal rigore del metodo utilizzato e dalla fonte dei documenti primari analizzati.

I risultati della ricerca concludono che c’è stato un complotto per assassinare il comandante Chavez con una Nano Arma, che ha indotto un cancro atipico e aggressivo.

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento