Lo ZUCCHERO è il migliore “amico” del morbo di Alzheimer: danneggia la struttura e la funzione del cervello

Lo ZUCCHERO è il migliore “amico” del morbo di Alzheimer: danneggia la struttura e la funzione del cervello

La malattia di Alzheimer, una forma grave di demenza, colpisce circa 5,2 milioni di americani, secondo le statistiche del 2013. [1]

Uno su nove anziani di età superiore ai 65 anni ha il morbo di Alzheimer e la malattia è ora considerata la terza principale causa di morte negli Stati Uniti, proprio dietro le malattie cardiache e il cancro.

Un crescente corpo di ricerca suggerisce che esiste una potente connessione tra la dieta e il rischio di sviluppare la malattia di Alzheimer, attraverso percorsi simili che causano il diabete di tipo 2.

Contrariamente alla credenza popolare, il tuo cervello non ha bisogno di glucosio, e in effetti funziona meglio bruciando carburanti alternativi, in particolare i chetoni , che il tuo corpo produce in risposta alla digestione di grassi sani.

 

Secondo alcuni esperti, come il Dr. Ron Rosedale, l’Alzheimer e altri disturbi cerebrali possono essere causati in gran parte dalla combustione costante di glucosio per il carburante da parte del cervello. All’inizio del 2005 il

morbo di Alzheimer è stato soprannominato ” diabete di tipo 3 ” quando i ricercatori hanno scoperto che oltre al pancreas, il cervello produce anche insulina e questa insulina cerebrale è necessaria per la sopravvivenza delle cellule cerebrali.

Lo zucchero danneggia la struttura e la funzione

del cervello Nel cervello, l’insulina aiuta con l’assorbimento del glucosio dei neuroni e la regolazione dei neurotrasmettitori, come l’acetilcolina, che sono cruciali per la memoria e l’apprendimento. Questo è il motivo per cui ridurre il livello di insulina nel cervello altera la tua conoscenza.

La ricerca [2] ha anche dimostrato che i diabetici di tipo 2 perdono più volume del cervello con l’età del previsto – in particolare la materia grigia. Questo tipo di atrofia cerebrale è un altro fattore che contribuisce alla demenza.

Gli studi hanno scoperto che le persone con livelli più bassi di insulina e recettori dell’insulina nel cervello hanno spesso il morbo di Alzheimer. Ma secondo una recente ricerca pubblicata sulla rivista Neurology, [3] lo zucchero e altri carboidrati possono disturbare la funzione cerebrale anche se non si è diabetici o si hanno segni di demenza.

Per testare la loro teoria, hanno valutato i marcatori glicemici a breve e lungo termine in 141 anziani sani, non diabetici e non dementi. Test di memoria e imaging cerebrale sono stati somministrati per valutare la loro funzione cerebrale e la struttura effettiva del loro ippocampo. Come riportato da Scientific American: [4]

“Livelli più alti su entrambe le misure del glucosio erano associati a una memoria peggiore, a un ippocampo più piccolo e a una compromessa struttura ippocampale

” . I ricercatori hanno anche scoperto che i cambiamenti strutturali hanno parzialmente giustificato il legame statistico tra glucosio e memoria. Secondo la coautore dello studio Agnes Flöel, neurologo di Charité, i risultati ‘forniscono ulteriori prove che il glucosio potrebbe contribuire direttamente all’atrofia dell’ippocampo’ “.

I risultati suggeriscono che anche se non sei diabetico o resistente all’insulina (e circa l’80% degli americani rientra in quest’ultima categoria), il consumo di zucchero può ancora disturbare la memoria.

A lungo termine, può contribuire al restringimento del tuo ippocampo, che è un sintomo caratteristico del morbo di Alzheimer.

(Il tuo ippocampo è coinvolto nella formazione, organizzazione e conservazione dei ricordi).

Gli autori dello studio suggeriscono che “le strategie volte a ridurre i livelli di glucosio anche nel range normale possono influenzare positivamente la cognizione nella popolazione anziana”.

Livelli di zucchero nel sangue “normali” possono ancora essere abbastanza alti da causare problemi

Normalmente, un livello di zucchero nel sangue a digiuno tra 100-125 mg / dl viene diagnosticato come stato pre-diabetico. Un livello di zucchero nel sangue a digiuno di 90-100 è considerato “normale”. Ma oltre alla ricerca in primo piano, altri studi hanno anche scoperto che l’atrofia cerebrale si verifica anche in questo intervallo di zuccheri nel sangue “normale”.

Il neurologo Dr. David Perlmutter, MD insiste sul fatto che essere molto severi nel limitare il consumo di zuccheri e carboidrati non vegetali è uno dei passi più importanti che è possibile intraprendere per prevenire il morbo di Alzheimer proprio per questo motivo.

Cita la ricerca della Mayo Clinic, che ha scoperto che le diete ricche di carboidrati sono associate a un aumento dell’89 per cento del rischio di demenza. Nel frattempo, le diete ad alto contenuto di grassi sono associate a un rischio ridotto del 44%.

La lobby dello zucchero minaccia le organizzazioni e nasconde la scienza sugli effetti sulla salute Una

ricerca convincente dimostra che il tuo cervello ha una grande plasticità, che controlli attraverso la tua dieta e le tue scelte di vita. Sfortunatamente, il pubblico americano è stato gravemente sottoposto al lavaggio del cervello da parte dell’industria dello zucchero e delle industrie alimentari trasformate a credere che lo zucchero sia un “nutriente” perfettamente ragionevole che appartiene a una dieta sana.

Senza informazioni accurate, è certamente più difficile fare scelte positive per la salute. Newsweek [5] ha recentemente pubblicato un articolo in cui si spiega fino a che punto l’industria dello zucchero andrà a difendere la sua quota di mercato:

“Secondo un nuovo rapporto [6] del Centro per la Scienza e la Democrazia … i gruppi industriali che rappresentano aziende che vendono edulcoranti, come la Sugar Association e la Corn Refiners Association … hanno versato milioni di dollari per contrastare la scienza che indica il negativo conseguenze per la salute di mangiare i loro prodotti.

“Per esempio, quando uno studio dell’Università della California del Sud dal 2013 ha scoperto che il mais ad alto fruttosio contenuto effettivo sciroppo in bibite ‘varia in modo significativo’ dal contenuto di zucchero divulgato sulle etichette di soda, il mais raffinatori Associazione considerati pagare per la sua controprova.

“Un consulente ha suggerito che la contro-ricerca dovrebbe essere pubblicata solo se i risultati sono in linea con l’obiettivo di contestare lo studio USC:” Se per qualsiasi motivo i risultati confermano [lo studio della University of Southern California], possiamo solo seppellire i dati ” il consulente ha scritto, secondo il rapporto. ”

“Secondo il rapporto del Centro per le scienze, la Sugar Association ha persino minacciato il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms).

” L’OMS aveva pubblicato un documento sullo zucchero, raccomandando un limite del 10% sugli zuccheri aggiunti, affermando che gli zuccheri aggiunti “minacciano la qualità nutrizionale delle diete. “

La Sugar Association mandò una lettera al direttore generale, avvertendolo che, a meno che l’OMS non ritirasse lo studio, la Sugar Association avrebbe persuaso il Congresso degli Stati Uniti a ritirare i finanziamenti federali dell’OMS.

L’anno seguente, quando l’OMS ha pubblicato la sua strategia sanitaria globale su dieta e salute, non è stato menzionato lo studio dello zucchero incriminato.

La Lobby di zucchero merita la colpa di alimentare le epidemie di malattie croniche

In effetti, nonostante le prove schiaccianti che dimostrano che lo zucchero e il fruttosio trasformato in particolare sono al centro della nostra crescente obesità e delle epidemie di malattie croniche, la lobby dello zucchero ha avuto tanto successo nei suoi sforzi l’impatto di tali prove che non c’è ancora consenso tra le nostre agenzie di regolamentazione sui “reali” pericoli dello zucchero …

Secondo i dati dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC), [7] il 13% della dieta americana media è lo zucchero.

Nel Regno Unito, un rapporto pubblicato di recente [8] dal comitato consultivo scientifico sulla nutrizione (SACN) raccomanda di limitare l’assunzione di zuccheri aggiunti al 5%, al fine di evitare l’obesità e il diabete di tipo 2.

Calcolano che questo equivale a 25 grammi di zucchero (5-6 cucchiaini) al giorno per le donne e 35 grammi (7-8 cucchiaini) per gli uomini.

Questo corrisponde alle mie raccomandazioni per individui sani e non insulino-resistenti, con una differenza fondamentale. Consiglio di limitare il consumo di zucchero / fruttosio a 25 grammi da TUTTE le fonti, non solo lo zucchero aggiunto. Ciò include anche la limitazione dei carboidrati non vegetali.

Abbastanza pazzo, il comitato consultivo scientifico sulla nutrizione raccomanda ancora di ottenere il 50 percento del fabbisogno giornaliero di energia sotto forma di carboidrati amidacei, il che aumenterà indubbiamente e significativamente il rischio di insulino-resistenza.

Se sei insulino / leptina resistente, diabetico, sovrappeso o ha la pressione alta, malattie cardiache o cancro, consiglio di limitare il consumo di zucchero / fruttosio a un massimo di 15 grammi al giorno da tutte le fonti, fino all’insulina / leptina la resistenza è stata risolta.

Linee guida dietetiche per mantenere sana la funzione cerebrale ed evitare la malattia di Alzheimer

Sta diventando sempre più chiaro che lo stesso processo patologico che porta all’insulino-resistenza e al diabete di tipo 2 può anche essere vero per il tuo cervello.

Mentre ti abbandoni allo zucchero e ai cereali, il tuo cervello diventa sopraffatto dai livelli costantemente elevati di glucosio e insulina che attenuano la sua segnalazione di insulina, portando a compromissioni nelle tue capacità di pensiero e memoria, causando infine danni permanenti al cervello.

Inoltre, quando il tuo fegato è impegnato nell’elaborazione del fruttosio (che trasforma il tuo fegato in grasso), ostacola gravemente la sua capacità di produrre colesterolo , un elemento essenziale del tuo cervello che è cruciale per una funzione cerebrale ottimale.

In effetti, prove crescenti supportano l’idea che ridurre in modo significativo il consumo di fruttosio sia un passo molto importante per prevenire la malattia di Alzheimer .

A causa dei trattamenti molto limitati e di nessuna cura disponibile fino ad ora, ti rimane davvero solo una soluzione solida, e questo è per evitare che l’Alzheimer ti stia succedendo in primo luogo.

Come spiegato dal neurologo Dr. David Perlmutter , l’Alzheimer è una malattia che si basa principalmente sulle scelte di vita; i due principali colpevoli sono l’eccessivo consumo di zucchero e glutine.

Un altro fattore importante è lo sviluppo e l’aumento del consumo di cereali geneticamente modificati (GE) , che sono ora diffusi nella maggior parte dei cibi trasformati venduti negli Stati Uniti.

La bellezza di seguire il mio piano nutrizionale ottimizzato è che aiuta a prevenire e trattare praticamente TUTTE le malattie degenerative croniche, compreso l’Alzheimer.

Il libro del Dr. Perlmutter, Grain Brain , fornisce anche potenti argomenti per eliminare i cereali dalla dieta, in particolare se si desidera proteggere la salute del cervello. In termini di dieta, i seguenti suggerimenti possono essere tra i più importanti per la prevenzione dell’Alzheimer:

Evitare lo zucchero e il fruttosio raffinato. Idealmente, vorrai mantenere lo zucchero e il fruttosiototali al disotto dei 25 grammi al giorno, o di soli 15 grammi al giorno se hai insulino-resistenza o disturbi correlati.

In un recente studio su animali, una dieta di cibi spazzatura ad alto contenuto di zucchero ha provocato problemi di memoria dopo solo una settimana! [9] Il riconoscimento del posto, in particolare, è stato influenzato negativamente.

Come regola generale, vorrai mantenere i livelli di insulina a digiuno al di sotto dei 3, e questo è indirettamente correlato al fruttosio, poiché porterà chiaramente all’insulino resistenza.

Tuttavia, anche altri zuccheri (il saccarosio contiene il 50% in peso di fruttosio), i cereali e la mancanza di esercizio fisico sono fattori importanti. Abbassare l’insulina aiuterà anche a ridurre i livelli di leptina, che è un altro fattore per l’Alzheimer.

Evitare il glutine e la caseina (principalmente latticini a base di grano e pastorizzati, ma non grassi di latte, come il burro). La ricerca mostra che la barriera emato-encefalica, la barriera che impedisce alle cose di uscire dal cervello dove non appartengono, è negativamente influenzata dal glutine.

Il glutine rende anche l’intestino più permeabile, che consente alle proteine ​​di entrare nel flusso sanguigno, dove non appartengono. Questo sensibilizza il tuo sistema immunitario e promuove l’infiammazione e l’autoimmunità, che svolgono entrambi un ruolo nello sviluppo dell’Alzheimer.

Mangia una dieta nutriente, ricca di folati , come quella descritta nel mio piano nutrizionale . Le verdure, senza dubbio, sono la tua migliore forma di folato, e dovremmo mangiare tutte le verdure crude fresche ogni giorno.

Evitare integratori come l’acido folico, che è la versione sintetica inferiore di folato.

Aumentare il consumo di tutti i grassi sani, compreso l’ omega-3 a base animale . Grassi favorevoli alla salute che il tuo cervello ha bisognoper una funzione ottimale includono burro biologico dal latte crudo, burro chiarificato chiamato burro chiarificato , burro crudo biologico, olive , olio di oliva vergine biologico e olio di cocco , noci come noci pecan e macadamia , uova ruspanti, salmone selvaggio dell’Alaska e avocado.

Contrariamente alla credenza popolare, il carburante ideale per il tuo cervello non è il glucosio, bensì i chetoni. I chetoni sono ciò che il tuo corpo produce quando converte il grasso (al contrario del glucosio) in energia. I trigliceridi a catena media (MCT) che si trovano nell’olio di cocco sono una grande fonte di corpi chetonici, perché l’olio di cocco rappresenta circa il 66 percento di MCT.

Nel 2010, ho pubblicato la teoria della dottoressa Mary Newportl’olio di cocco potrebbe offrire benefici profondi nella lotta contro il morbo di Alzheimer. Da allora ha lanciato uno dei primi test clinici del suo genere per testare questa teoria.

Assicurati anche di assumere abbastanza grassi omega-3 a base animale, come l’olio di krill.(Consiglio di evitare la maggior parte dei pesci perché, sebbene il pesce sia naturalmente ricco di omega-3, la maggior parte dei pesci è ora gravemente contaminata dal mercurio).

L’assunzione elevata di grassi omega-3 EPA e DHA aiuta a prevenire il danno cellulare causato dal morbo di Alzheimer, rallentando così la sua progressione e riducendo il rischio di sviluppare il disturbo.

Ottimizza la tua flora intestinale mangiando regolarmente cibi fermentati o assumendo un integratore probiotico ad alta potenza e alta qualità.

Mangi i mirtilli.I mirtilli selvatici, che hanno un alto contenuto di antocianine e antiossidanti, sono noti per proteggersi dall’Alzheimer e da altre malattie neurologiche.

Altri utili consigli dietetici e preziosi supplementi

Un altro suggerimento utile è quello di ridurre il consumo calorico complessivo e / o in modo intermittente veloce. Come accennato in precedenza, i chetoni vengono mobilizzati quando si sostituiscono i carboidrati con olio di cocco e altre fonti di grassi sani. Un digiuno di un giorno può aiutare il tuo corpo a “resettarsi” da solo e iniziare a bruciare grassi invece di zucchero.

[Benefici del digiuno:

  1. Il tuo intero sistema immunitario viene rigenerato dopo il digiuno solo per 3 giorni ;
  2. Il digiuno sovraccarica il tuo cervello – Ecco come ;]

Come parte di uno stile di vita sano, preferisco un programma di digiuno intermittente che richiede semplicemente di limitare i pasti a una finestra temporale più stretta ogni giorno. Limitando il consumo a una finestra di 6-8 ore, si velocizzano in modo efficace 16-18 ore al giorno. Per ulteriori informazioni sul digiuno intermittente, consultare questo articolo precedente .

Anche essere consapevoli del fatto che quando si tratta di livelli di colesterolo e di Alzheimer, inferiore NON è meglio. Al contrario.

Secondo il dottor Perlmutter, la ricerca mostra che le persone anziane con i livelli di colesterolo più bassi hanno il più alto rischio per l’Alzheimer.

Hanno anche il più alto rischio di morire. Come dice lui, la guerra al colesterolo è fondamentalmente inappropriata e dannosa.

Infine, c’è una breve lista di raccomandazioni sugli integratori che vale la pena notare per i loro specifici benefici nella prevenzione e nel trattamento della demenza.

Quindi, anche se la strategia fondamentale per prevenire la demenza dovrebbe coinvolgere un approccio globale allo stile di vita, si consiglia di prendere nota dei seguenti agenti naturali.

Questi quattro alimenti naturali / integratori hanno una buona scienza dietro di loro, in termini di prevenzione dei cambiamenti cognitivi legati all’età:

  1. Gingko biloba : molti studi scientifici hanno scoperto che il ginkgo biloba ha effetti positivi per la demenza. Uno studio del 1997 di JAMA ha dimostrato chiaramente che il Ginkgo migliora le prestazioni cognitive e il funzionamento sociale di coloro che soffrono di demenza. Un altro studio del 2006 ha trovato che il Ginkgo è efficace quanto il farmaco per la demenza Aricept (donepezil) per il trattamento della demenza di tipo Alzheimer da lieve a moderata. Una meta-analisi del 2010 ha anche riscontrato che il Ginkgo biloba è efficace per una varietà di tipi di demenza.
  2. Acido alfa lipoico (ALA): l’ ALA ha dimostrato di aiutare a stabilizzare le funzioni cognitive tra i malati di Alzheimer e può rallentare la progressione della malattia.
  3. Vitamina B12 : un piccolo studio finlandese pubblicato sulla rivista Neurology [10] ha rilevato che le persone che consumano alimenti ricchi di vitamina B12 possono ridurre il rischio di Alzheimer negli ultimi anni.

[Fonti vegane di vitamina B12: alghe clorella e spirulina ]

Per ogni aumento di unità nel marcatore di vitamina B12 il rischio di sviluppare l’Alzheimer è stato ridotto del due per cento. Ricorda che la metilcobalamina sublinguale potrebbe essere la soluzione migliore qui.

Strategie di stile di vita che possono aiutare a scongiurare la malattia di Alzheimer Le

scelte di stile di vita come l’esposizione regolare al sole e l’esercizio fisico, oltre a evitare le tossine, sono anche fattori importanti quando si tratta di mantenere una salute ottimale del cervello. Ecco alcuni dei miei suggerimenti sullo stile di vita:

ottimizza i livelli di vitamina D con un’esposizione al sole sicura . Sono stati rivelati legami forti tra bassi livelli di vitamina D nei malati di Alzheimer e scarso esito nei test cognitivi.

I ricercatori ritengono che i livelli ottimali di vitamina D possano aumentare la quantità di sostanze chimiche importanti nel cervello e proteggere le cellule cerebrali aumentando l’efficacia delle cellule gliali nei neuroni danneggiati che allattano.

La vitamina D può anche esercitare alcuni dei suoi effetti benefici sull’Alzheimer attraverso le sue proprietà antinfiammatorie e immunostimolanti. Una sufficiente vitamina D è indispensabile per il corretto funzionamento del sistema immunitario per combattere l’infiammazione che è anche associata all’Alzheimer.

Allenarsi regolarmente. È stato suggerito che l’esercizio fisico può innescare un cambiamento nel modo in cui la proteina precursore dell’amiloide viene metabolizzata [11], rallentando così l’insorgenza e la progressione dell’Alzheimer. L’esercizio aumenta anche i livelli della proteina PGC-1alfa.

La ricerca ha anche dimostrato che le persone con Alzheimer hanno meno PGC-1alpha nel loro cervello [12] e le cellule che contengono più proteine ​​producono meno proteine ​​amiloidi tossiche associate all’Alzheimer. Consiglio vivamente di rivedere la tecnica Peak Fitness per le mie raccomandazioni specifiche.

Evita ed elimina il mercurio dal tuo corpo. Le otturazioni di amalgama dentarie, che sono il 50% di mercurio in peso, sono una delle principali fonti di tossicità dei metalli pesanti. Tuttavia, dovresti essere in salute prima di averli rimossi.

Una volta che ti sei abituato a seguire la dieta descritta nel mio piano nutrizionale ottimizzato , puoi seguire il protocollo di disintossicazione del mercurio e poi trovare un dentista biologico per avere il tuoamalgami rimossi .

Evitare l’alluminio , come antitraspiranti, pentole antiaderenti, coadiuvanti del vaccino , ecc.

Evitare le vaccinazioni antinfluenzali poiché la maggior parte contiene sia mercurio che alluminio, noti agenti neurotossici e immunotossici.

Evitare anticolinergici e statine. Farmaci che bloccano l’acetilcolina, un neurotrasmettitore del sistema nervoso, hanno dimostrato di aumentare il rischio di demenza.

Questi farmaci includono alcuni antidolorifici notturni, antistaminici, ausili per il sonno, alcuni antidepressivi, farmaci per controllare l’incontinenza e alcuni antidolorifici narcotici.

Statinesono particolarmente problematici perché sopprimono la sintesi del colesterolo, esauriscono il cervello del coenzima Q10 e i precursori dei neurotrasmettitori e impediscono il rilascio adeguato di acidi grassi essenziali e antiossidanti liposolubili al cervello inibendo la produzione della biomolecola carrier indispensabile nota come bassa densità lipoproteica.

Sfida la tua mente ogni giorno. La stimolazione mentale, in particolare l’apprendimento di qualcosa di nuovo, come imparare a suonare uno strumento o una nuova lingua, è associata a un ridotto rischio di Alzheimer.

I ricercatori sospettano che la sfida mentale aiuti a costruire il cervello, rendendolo meno suscettibile alle lesioni associate alla malattia di Alzheimer.

Dal dott. Mercola ;

Dall’autore: l’establishment medico esistente è responsabile dell’uccisione e ferimento permanente di milioni di americani, ma il numero crescente di visitatori di Mercola.com da quando ho iniziato il sito nel 1997 – ora siamo regolarmente tra i primi 10 siti di salute su Internet – mi convince anche tu che sei stufo del loro inganno. Desiderate soluzioni pratiche di salute senza il clamore, ed è quello che offro.

Riferimenti:

  1. Associazione Alzheimer 2013 Fatti e cifre della malattia di Alzheimer (PDF);
  2. WebMD 29 aprile 2014;
  3. Neurologia, 12 novembre 2013: 81 (20); 1746-1752;
  4. Scientific American 12 giugno 2014;
  5. Newsweek 27 giugno 2014;
  6. Centro per la Scienza e la Democrazia, Unione degli scienziati interessati;
  7. Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie NCHS Data Brief n. 122, maggio 2013 (PDF);
  8. Comitato consultivo scientifico sulla nutrizione (PDF);
  9. Worldhealth.net 30 dicembre 2013;
  10. Neurologia, 19 ottobre 2010: 75 (16); 1402-3;
  11. Journal of Neuroscience, 27 aprile 2005: 25 (17); 4217-4221;
  12. Journal of Alzheimer’s Disease, 2011: 25 (1); 151-62;
Annunci

Informazioni su vaturu

I am a sardinian patriot
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Lo ZUCCHERO è il migliore “amico” del morbo di Alzheimer: danneggia la struttura e la funzione del cervello

  1. Pingback: Chi uccide più velocemente – la chemioterapia o il cancro? – Complottisti

  2. Pingback: IL CANCRO SI DIFFONDE CON LA CHEMIO ? | notiziesenzafiltro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...